VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

Sample Page

Provincia di Vercelli, Regione Piemonte

Gb 38, 1. 8-11

Dal libro di Giobbe

Il Signore prese a dire a Giobbe in mezzo all’uragano:
“Chi ha chiuso tra due porte il mare,
quando usciva impetuoso dal seno materno,
quando io lo vestivo di nubi
e lo fasciavo di una nuvola oscura,
quando gli ho fissato un limite,
gli ho messo chiavistello e due porte
dicendo: “Fin qui giungerai e non oltre
e qui s’infrangerà l’orgoglio delle tue onde”?”.

Sal.106

RIT: Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

Coloro che scendevano in mare sulle navi
e commerciavano sulle grandi acque,
videro le opere del Signore
e le sue meraviglie nel mare profondo.

  RIT: Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

Egli parlò e scatenò un vento burrascoso,
che fece alzare le onde:
salivano fino al cielo, scendevano negli abissi;
si sentivano venir meno nel pericolo.

  RIT: Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

Nell’angustia gridarono al Signore,
ed egli li fece uscire dalle loro angosce.
La tempesta fu ridotta al silenzio,
tacquero le onde del mare.

  RIT: Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

Al vedere la bonaccia essi gioirono,
ed egli li condusse al porto sospirato.
Ringrazino il Signore per il suo amore,
per le sue meraviglie a favore degli uomini.

  RIT: Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

2 Cor 5, 14-17

Dalla seconda lettera di San Paolo apostolo ai Corìnzi

Fratelli, l’amore del Cristo ci possiede; e noi sappiamo bene che uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti. Ed egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risorto per loro.
Cosicché non guardiamo più nessuno alla maniera umana; se anche abbiamo conosciuto Cristo alla maniera umana, ora non lo conosciamo più così. Tanto che, se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove.

Mc 4, 35-41

Dal Vangelo secondo San Marco

In quel giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: “Passiamo all’altra riva”. E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.
Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: “Maestro, non t’importa che siamo perduti?”.
Si destò, minacciò il vento e disse al mare: “Taci, calmati!”. Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: “Perché avete paura? Non avete ancora fede?”.
E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: “Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?”.

***

UN PENSIERO SULLA PAROLA, A CURA DELLE SUORE CARMELITANE DEL MONASTERO ‘MATER CARMELI’ DI BIELLA

Perché avete paura?

(Gb 38,1.8-11; Sl 106; 2 Cor 5.14-17; Mc 4,35-41)

Alla fine di una lunga e faticosa giornata trascorsa circondato dalla folla che lo segue ovunque, Gesù ordina ai suoi discepoli di passare all’altra riva.

Così mentre il sole scompare, anche se stanchi obbediscono al maestro e prendono il largo puntando verso la riva orientale del lago, la sponda abitata dai pagani, approderanno infatti nella regione dei Geraseni.

Una traversata di circa 21 km sul più grande lago d’acqua dolce nella terra d’Israele, che per la sua dimensione veniva chiamato anche mare di Galilea.

Immaginiamo i discepoli salire sulla barca con poco entusiasmo, assecondando Gesù che si sistema a poppa su un cuscino, giusto in tempo per crollare in un sonno profondo.

Mentre avanzano verso l’altra riva improvvisamente si scatena una grande tempesta, flutti minacciosi si riversano e riempiono la barca che rischia di affondare.

Il momento è serio e il pericolo molto concreto, il vento non si calma, l’acqua sconquassa la barca e gli animi di tutti, tranne di Gesù che dorme.

Il pensiero di essere travolti dalla furia dei flutti si fa evidenza, i discepoli sono senza scampo, conoscono bene il lago e sanno di essere in pericolo di vita; stremati e impauriti vanno a svegliare Gesù con una domanda che ha il sapore di un rimprovero: “ci hai portato tu in mezzo al lago in questa notte e in più rimani a dormire mentre stiamo per morire tutti? Non ti importa che siamo perduti?”.

E’ piuttosto impensabile come Gesù abbia realmente potuto continuare a dormire in mezzo a una tempesta simile, di fatto il suo comportamento sembra giustificare la domanda-rimprovero dei discepoli: “non ti importa che siamo perduti?”.

Una domanda che continua a risuonare nel cuore e nella mente di chiunque si trovi a soffrire, ad essere in pericolo di vita, senza aver fatto nulla di male per ritrovarsi in quella situazione.

A Dio importa o non importa se noi soffriamo?

Quante persone non credono o hanno smesso di credere perché non possono accettare la realtà del dolore, perché se Dio esiste ed è buono, non dovrebbe permetterlo.

Dio sta in silenzio e dorme mentre noi impauriti cerchiamo affannosamente di fronteggiare le tempeste della vita. Dio dorme, ma è con noi sulla barca, è con noi anche quando resta in silenzio nella nostra traversata verso la riva ulteriore a questo mondo.

Dio dorme, ma subito si sveglia al nostro grido di aiuto e risponde alla nostra domanda/rimprovero con un’altra domanda che ci spinge a scendere in profondità: “perché avete paura? Non avete ancora fede?”.

Gesù vuol guarire la nostra paura della morte perché lui, al quale il vento e il mare obbediscono, è il Signore della vita.

A lui importa il nostro dolore al punto da volerlo prendere su di se e portarlo nella sua carne sul legno della croce, a Dio importa così tanto da volercene liberare preparando per noi un nuovo cielo e una nuova terra dove avrà stabile dimora la giustizia e la pace, dove l’invidia del diavolo non avrà più alcun potere distruttivo e mortifero sull’uomo e sul mondo.

Con la luce della fede possiamo illuminare anche la notte più oscura, per ricordare che Dio è con noi e in lui noi siamo più che vincitori su ogni assalto del nemico, su ogni realtà che cerchi di impedirci di raggiungere l’altra riva, la terra promessa della vita senza fine.

Le Sorelle Carmelitane

Monastero Mater Carmeli – Biella

Posted in Pagine di Fede

Tragico epilogo della vicenda che ha tenuto tutta la comunità con il fiato sospeso, legata alla scomparsa del giovane 30enne, Valerio Miceli.

Il suo corpo senza vita è stato trovato, dopo tre giorni di ricerca, questa mattina, 22 giugno, intorno alle 10, dalla a Protezione Civile, in un canale in secca all’altezza del cavalcavia sul fiume Po della autostrada A26 Genova-Gravellona, sempre nel territorio del Comune monferrino.

Sul posto è intervenuta la Polizia, il medico legale, i Carabinieri di Casale, i Vigili del Fuoco e i genitori di Valerio, che ne hanno confermato l’identità.

Valerio si era allontanato mercoledì 19 giugno dalla Casa Famiglia di Frassineto Po, dove da qualche tempo viveva seguendo un programma terapeutico, e subito sono iniziate le ricerche, molte le richieste di aiuto da parte dei genitori sui social, se ne è occupata anche la trasmissione “Chi l’ha visto”.

Grande cordoglio a Trino, Palazzolo e Frassineto Po, per la scomparsa di Valerio e sentite condoglianze ai genitori Liliana Cosentino e Angelo.

Il dolore è grande, non ci sono parole da aggiungere.

Posted in Cronaca

La rassegna Tra Museo e Territorio, promossa da Palazzo dei Musei e Società Valsesiana di Cultura, prosegue con un nuovo appuntamento in collaborazione con l’Ente di Gestione dei Sacri Monti.

Domenica 23 giugno, alle ore 10.30, il ritrovo è al Sacro Monte di Domodossola per una visita a cura di Elena Rame, conservatore dell’Ente, dedicata alla figura di Dionigi Bussola (1615-1687), scultore milanese attivo anche nei Sacri Monti di Varese, Orta e Varallo.

Nel pomeriggio, dopo il pranzo libero, è prevista la possibilità di visitare insieme la preziosa pala di Tanzio da Varallo con San Carlo Borromeo che comunica gli appestati conservata nella collegiata dei Santi Gervasio e Protasio di Domodossola.

Prenotazione obbligatoria: 0163 51424; info@palazzodeimusei.it

La partecipazione è gratuita.

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Cultura e Spettacolo

Domenica 23 giugno nella Santa Messa delle 10.30 ci sarà le presenza dell’AVIS in occasione della Festa Annuale.

Lunedì 24 alle 21 incontro di preghiera con il gruppo “Vita Nuova.”

Martedì 25 Adorazione Eucaristica con preghiera di Guarigione e Liberazione.

Sabato 29 Sacramento della Confessione dalle 15 alle 16.30.

Domenica 30 nella Santa Messa delle 10.30 Santo Battesimo di Nolan e alle ore 12 di Maria Elisa.

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Pagine di Fede

Nella mattinata di oggi, sabato 22 giugno intorno alle ore 2:50, una squadra dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Livorno Ferraris e del distaccamento Volontario di Santhià, sono intervenute sull’Autostrada A4 direzione Torino, al km 30+250 nel comune di Cigliano, per un incidente stradale tra due autovetture di cui una alimentata a metano.

All’arrivo dei Vigili del Fuoco, i quattro occupanti erano già fuori dai veicoli tranne uno che era ancora all’interno di una delle vetture.

Il ferito è stato estratto e consegnato alle cure dei sanitari del 118 di Santhià che lo hanno stabilizzato è successivamente è stato elitrasportato all’ospedale.

L’area interessata dal sinistro è stata messa in sicurezza.

Sul posto erano presenti anche i volontari del 118 di Alice Castello, la Polizia Stradale e il personale della viabilità.

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Cronaca

Proseguono gli appuntamenti di Gaudete! Festival Internazionale Mudica Antica.

Domenica 23 giugno nella splendida chiesa di San Giovanni al Monte a Quarona (VC) dalle 14:30 è possibile visitare la Mostra scultorea “La Forma dell’Anima” realizzata da Mariagrazia Degrandi.
In programma dalle ore 16:30 la visita alla Chiesa a cura di Davide Filié e alle ore 17:30 si terrà il Concerto “I fiati del Collegium Pro Musica” direttore Stefano Bagliano.

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Cultura e Spettacolo

Torna la mostra scambio Ruggine in Piazza Aldo Moro.

L’appuntamento mensile con l’evento con tutto il vintage, bici-auto-moto ricambi, oggettistica e meccanica d’epoca è in programma domenica 23 giugno.

Ingresso libero per il pubblico – orario ore 8.00-15.00

Gli espositori entrano dalle 6.30 alle 8.00

N.B.: In caso di brutto tempo la manifestazione potrà subire annullamenti o modifiche

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Eventi e Fiere

Straordinario successo di pubblico e di consenso per l’Ensemble Cordis in Custodia, che domenica 16 Giugno si è esibito nella Basilica del Sacro Monte di Varallo.

Il controtenore David Feldman, accompagnato dalla tiorba di Benoît Fallai, ha eseguito un suggestivo programma musicale concluso dalla standing ovation del pubblico.

Sabato 22 giugno, ore 18, a chiusura della prima parte della rassegna “MusicAntica” , promossa da Musica a Villa Durio con il sostegno del Ministero del Turismo e Città di Varallo, si terrà il recital pianistico di Massimo Giuseppe Bianchi, dal titolo “Follia Barocca”.

Secondo la definizione convenzionale, si indica il 1750, anno della morte di Johann Sebastian Bach, come termine dell’epoca barocca in musica. Le opere di Bach, composte per gli strumenti a tastiera antichi, furono riscoperte da Schumann e Mendelssohn e entusiasticamente aggiornate ed eseguite nello stile caro ai contemporanei, per esempio, furono aggiunte parti pianistiche alle Sonate e Partite per Violino. L’esecuzione del repertorio Bachiano sul pianoforte ha contribuito a creare la consapevolezza del valore e delle possibilità esecutive su strumenti diversi dal clavicembalo, o dall’organo, dove emergono idee differenti in termini di ornamentazione, dinamiche e tecnica. Oggi etichette come “esecuzione originale” e “secondo le intenzioni del compositore” sono inattuali e messe da parte per ragioni scientifiche e di metodo, oltre che pratiche. La distanza temporale e la mancanza di registrazioni, impedisce di sapere come un’opera fosse eseguita, senza contare che non abbiamo ricevuto le intenzioni scritte dei compositori sul futuro delle loro opere. Anzi, dovendo giudicare dalle azioni di alcuni di loro, dovremmo addirittura pensare che alcuni di loro avrebbero gradito che le stesse fossero “aggiornate”. L’esecuzione pianistica delle opere di Haendel, Bach, Scarlatti, Couperin, è da decenni al centro dei programmi dei migliori concertisti. Nel 2002 Angela Hewitt incise al pianoforte un fortunato disco con musiche di Couperin per Hyperion, il celebre pianista francese Alexandre Tharaud da anni si dedica nella sua attività discografica con Erato alla riscoperta di compositori come Scarlatti, Marais, Couperin. La bellezza di questa musica immortale è un invito a scoprirla, anche in un’epoca come la nostra dove il pianoforte può offrire nuova linfa a dei capolavori di cui nessuno dovrebbe privarsiMassimo Giuseppe Bianchi, direttore artistico.

Massimo Giuseppe Bianchi, pianoforte.

Formatosi nel solco di grandi maestri come Bruno Canino, il Trio di Trieste e Franco Rossi, Massimo Giuseppe Bianchi ha affiancato la carriera musicale ai propri eclettici interessi per la filosofia, la letteratura e la poesia.

Attento divulgatore in ambito radiofonico, è curatore di seminari di approfondimento musicale e direttore artistico di varie stagioni musicali, tra le quali Musica a Villa Durio presso Varallo (Vc). Pianista con all’attivo un copioso numero di album, tra i quali ricordiamo ‘Castelnuovo-Tedesco: Piano Quintets’ (con Aron Quartett) (CPO), Around Bach (2016) e The Art of Variation (2019) per Decca. Bruno Walter Piano Quintet. String Quartet (2023) con Aron Quartet.

Numerosi lavori a lui dedicati.

Massimo Giuseppe Bianchi è direttore del dipartimento di Pianoforte presso Tsinghua University di Beijing (Cina).

Come di consueto, i Biglietti per i concerti saranno in vendita all’ingresso al prezzo di 10 euro, oppure possono essere acquistati da subito online all’indirizzo https://bit.ly/MVD45biglietti

Per le informazioni e le prenotazioni, è a disposizione il numero 388 255 42 10 (whatsapp)

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Cultura e Spettacolo

Riceviamo e pubblichiamo

In vista della prossima stagione, alla quale la Pallacanestro Femminile Vercelli  parteciperà grazie anche al sostegno che sta ottenendo da amici ed imprenditori che hanno deciso di affiancare in vari modi il sodalizio sportivo per consentirgli di continuare la propria attività, vi sono alcune novità da segnalare.

Allenatore

Gabriele Bendazzi, allenatore della squadra di serie B e coordinatore tecnico della società, deve lasciare la guida della prima squadra per sopraggiunti impegni lavorativi e di natura personale.

Con grande rammarico, nel corso di una cena conviviale di fine stagione, Bendazzi ha annunciato la sua decisione alla squadra ed allo staff dirigenziale, spiegando che nuovi impegni lavorativi sopraggiunti non gli consentono di garantire la sua costante presenza agli allenamenti, come vorrebbe, per cui ha preferito passare la mano, pur assicurando alla PFV il suo supporto tecnico ed organizzativo, all’occorrenza.

La società ringrazia il suo tecnico per quanto ha fatto in questi anni: ricordiamo la promozione dalla C alla B nel 2022/23 ed il mantenimento della categoria in questa stagione, ma soprattutto per l’apporto decisivo dato al miglioramento globale della squadra e delle singole atlete.

L’augurio reciproco è che si possa trattare di un arrivederci, magari con altre mansioni, e non di un addio, come lo stesso Bendazzi e Roselli si sono augurati nel salutarsi.

La squadra di serie B verrà ora affidata a Davide Simone, che ha guidato quest’anno le formazioni Under 15 ed Under 14 ed ha svolto funzioni di vice allenatore per la serie B, il quale manterrà anche il gruppo Under 15.

Insieme a lui rimarrà nello staff tecnico della prima squadra il preziosissimo Andrea Congionti, da parecchi anni nei quadri tecnici della società, che continuerà a costituire un importante punto di riferimento.

Il progetto tecnico

Per affrontare la nuova avventura nel 2024/25 la PFV schiererà ai nastri di partenza ancora cinque squadre, impegno non indifferente sotto l’aspetto organizzativo, sapientemente gestito da Roberto Cavallaro con l’ausilio di Mario Avonto.

Esse saranno, salvo modifiche dell’ultima ora dettate da necessità contingenti, al momento non contemplate, le seguenti:

Serie B – la squadra sarà affidata a Davide Simone, “promosso” dal settore giovanile, dopo il buon lavoro svolto nell’ultima stagione, il quale manterrà anche la guida del gruppo Under 15 (annata 2010).

L’organico dovrebbe essere – allo stato – quello dello scorso campionato oltre a Caroline Ansu, della quale si auspica finalmente il pieno ricupero dopo una stagione di stop, con qualche dubbio dovuto ad impegni lavorativi e universitari di un paio di ragazze, che potranno sciogliere le riserve solo a settembre.

Dopo la chiusura dei campionati alcune ragazze provenienti da fuori Vercelli hanno fatto dei “sondaggi” in casa vercellese per valutare il loro possibile trasferimento alla PFV, ma sono ancora tutti discorsi da chiudere, eventualmente.

Si vedrà: se son rose fioriranno.

Campionato under 19 o altro campionato “senior”.

In società si sta valutando se iscrivere la squadra al campionato Under 19 (limite di età il 2006 con possibilità di due deroghe per ragazze del 2005) oppure di optare per la serie C, al fine di poter schierare anche quelle giocatrici ormai uscite dal settore giovanile ma che non si sentano ancora “pronte” per giocare in serie B, in cui probabilmente avrebbero minutaggio limitato.

In questo caso l’organico sarebbe composto dalle giocatrici dall’anno 2004 (due), 2005 (due), 2006 (due) e dalle ex Under 17 del 2007 (sei), oltre all’inserimento delle giovani 2008 quando necessario.

Il regolamento FIP prevede che le giocatrici “senior” (2004/2005 o di anni antecedenti) impiegate in serie C, non possano essere schierate nello stesso anno sportivo anche in serie B.

Il doppio campionato (C+B) è invece possibile per le ragazze ancora in categoria giovanile.

La squadra, qual che sarà, sarà affidata al coach Gianfranco Anastasio, nel segno della continuità rispetto ai confortanti risultati ottenuti nella stagione appena conclusa.

Anastasio guiderà anche il gruppo Under 17, che sarà composto (allo stato e salvo defezioni impreviste e/o nuovi arrivi) dal gruppo di 2008 (8) unito alla ragazze del 2009 provenienti dalla Under 15, rimaste in attività (7).

Vi sarà poi il gruppo Under 15, affidato come già detto a Davide Simone e composto da tutte le Under 14 di quest’anno (14/15).

Infine sarà allestita una nuova squadra Under 13, composta dal cospicuo gruppo di 2012 e 2013 che esce quest’anno dalla “cantera” dei Bugs Vercelli (circa 22) e che affronteranno per la prima volta un campionato FIP. Quanto all’allenatore la società è ancora in fase di trattative con alcuni papabili.

La Società

In vista della prossima impegnativa stagione, la società, attraverso i suoi dirigenti, lo staff tecnico, i genitori delle atlete e gli amici affezionati, ha lanciato un appello per chiedere qualche sostegno in più dal punto di vista economico, oltre a coloro che già affiancano il sodalizio ormai da anni quali: Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli; Carmen Fiori, Carrozzerie del Borgo; Nova Coop; Onoranze funebri Parenti; Ferraro Assicurazioni; Bar Principe; Marazzato Spurgo Service; Ottica Trabuio.

Qualche effetto l’appello ha sortito, posto che la società è in contatto con alcuni imprenditori ed enti diversi che hanno dato una disponibilità di massima ad aiutare la PFV, per cui si può guardare al futuro con maggior ottimismo rispetto a qualche tempo fa.

Claudio Roselli

 

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Lo Sport

Fin dagli albori della storia teatrale, l’estate lega performance, comunità e paesaggio: è nella natura, infatti, che trovano piena espressione rappresentazioni e concerti dal vivo, in rapporto diretto, epidermico, con il tessuto del territorio.

Lo spazio all’aperto diventa così cornice e insieme fondamentale elemento drammaturgico.

Fondazione Piemonte dal Vivo sceglie appunto questa stagione come tempo privilegiato per lo sviluppo di alcuni suoi cartelloni e progetti.

Non si ferma perciò, da giugno a settembre, l’attività: spettacoli e rassegne continuano ad animare i palcoscenici del Circuito, con proposte di teatro, danza, musica e circo contemporaneo diffuse in regione, tra cortili, arene, giardini e residenze storiche.

Una ricca programmazione multidisciplinare, con numerose proposte en plein air, pensate per un pubblico ampio e variegato, in tutte le province: da Verbania a Cuneo, da Biella ad Asti, passando per Alessandria, Novara, Torino e Vercelli.

Un’estiva insomma – quella piemontese – immersa nella natura e nelle bellezze del patrimonio architettonico e paesistico locale.

Per gli appassionati di musica prosegue il Torino Jazz Festival Piemonte, che fino all’autunno attraversa il Piemonte tra grande tradizione, tributi ai maestri del jazz e frontiera elettronica.

Il 12 luglio – nella cornice del Forte di Exilles, antico baluardo in pietra tra le vette imponenti e le verdi vallate delle Alpi piemontesi – Paolo Jannacci e Daniele Moretto alla tromba intrattengono il pubblico presente.

Già il giorno precedente, 11 luglio, al Teatro Alfieri di Asti, un concerto rende omaggio al celebre trombonista Dino Piana.

Il festival prosegue poi venerdì 26 luglio al Teatro Soms di Racconigi con Denise King, che in arrivo da Philadelphia apre a Racconigi la sua tournée europea.

Il mese di agosto concentrerà invece gli appuntamenti nella provincia di Biella, grazie alle collaborazioni con i partner locali.

Il 16 agosto, nell’ambito del Piedicavallo Festival Lino Capra Vaccina, porta il suo stile unico che combina strumenti a percussione, suoni ambientali e melodie minimaliste, creando atmosfere evocative e suggestive.

Il 30 agosto, il Koan Jazz Quartet si esibirà presso la Piazza del Monte a Biella, seguito il 31 agosto dal quintetto Piemonte Jazz Messengers, che spazierà tra brani originali e classici del jazz, e il 1° settembre, infine, dal Diego Borotti Jazz Trio feat Karima, nel quale il sodalizio di Borotti e Marsico ospita una delle voci più belle del panorama italiano.

Al via pochi giorni fa anche la terza edizione di Ecomusei Palcoscenico Naturale, ricco cartellone di percorsi e appuntamenti site specific per incentivare la scoperta degli ecomusei piemontesi e del territorio circostante.

Un progetto che vede Piemonte dal Vivo lavorare insieme a Rete Ecomusei Piemonte, in sinergia con Regione Piemonte e Abbonamento Musei.

Il 30 giugno l’Ecomuseo le Terre al Confine ospita I confini non esistono, un evento itinerante che parte da Moncenisio (TO) per arrivare a Novalesa (TO): Matteo Caccia conduce il pubblico in un viaggio attraverso storie e racconti che sfidano i concetti di confine e limitazione.

Lo stesso giorno, alle 16:00, l’Ecomuseo del Granito di Montorfano (VB) accoglie invece Il testamento dell’ortolano, uno spettacolo basato su un racconto di Antonio Catalano, rielaborato insieme a Patrizia Camatel e interpretato da Massimo Barbero.

Sabato 6 luglio il pomeriggio è animato dall’evento Mucche ballerine presso l’Ecomuseo dei sette ricordi di Carrega Ligure (AL): ideato da Alessandra Celesia e diretto da John McIlduff, con musiche originali di Christian Thoma, lo spettacolo coinvolge un ensemble di talentuosi musicisti.

Replica il 14 luglio all’Ecomuseo Codirosso di Rossana (CN).

Gli appuntamenti negli ecomusei proseguono ancora numerosi fino a ottobre presso l’Ecomuseo della Pastorizia di Pietraporzio (CN), l’Ecomuseo della Pietra da Cantoni a Cella Monte (AL), l’Ecomuseo Terra del Castelmagno a Monterosso Grana (CN), l’Ecomuseo Sogno di Luce di Alpignano (TO), l’Ecomuseo Colombano Romean di Salbertrand (TO).

E ancora: l’Ecomuseo della Calce di Visone (AL), l’Ecomuseo del marmo e granito (CN), l’Ecomuseo del biellese, l’Ecomuseo della Valle Germanasca (TO), l’Ecomuseo della Segale (CN), l’Ecomuseo dei Certosini nella Valle Pesio (CN), l’Ecomuseo Cascina Moglioni (AL), l’Ecomuseo Alta Val Maira (CN), l’Ecomuseo del Basso Monferrato e delle Terre d’Acqua (VC), l’Ecomuseo del lago d’Orta e del Mottarone (NO) e l’Ecomuseo della pietra ollare e degli scalpellini (VB).

Gli ambienti barocchi e gli spazi verdi della Reggia di Venaria, incantevole connubio fra antico e moderno, diventano il setting perfetto per le Sere d’Estate, al via il 26 luglio e in scena per sei weekend (dal venerdì alla domenica), fino al 1° settembre.

La Cascina Medici si trasforma, a partire dalle ore 18:00, in una balera all’aperto, con serate a tema, concerti e classi di danza: dallo swing al flamenco, dal lindy hop al tango, dall’afrobeat alla tradizionale taranta.

Alle 21:30, invece, il Giardino delle Rose si rischiara a lume di candela sulle note dei dj set di Jazz Re:Found.

In occasione della rassegna, il cartellone programmato da Piemonte dal Vivo si arricchisce poi – nei Giardini – di meravigliose acrobazie e coreografie, firmate dalle migliori compagnie nostrane e straniere: EgriBiancoDanza, Balletto Teatro di Torino, Cie Didier Théron, C&C Company, Parini Secondo.

E ancora: IlTrioCirc, Noah Chorny e Compagnia Teatro per Caso.

È il suggestivo Cortile del Chiostro dell’Annunziata poi – antico convento delle suore agostiniane – a fare da sfondo agli appuntamenti estivi di Tortona, organizzati in collaborazione con l’amministrazione locale: eventi che spaziano dai reading letterari al teatro, coinvolgendo artiste e artisti di rilievo nazionale.

L’estiva si apre giovedì 4 luglio con Le intermittenze della morte in cui Francesco Pannofino legge il capolavoro di José Saramago.

Si prosegue, giovedì 11 luglio, con Giorgia Goldini che presenta Gold Show, uno spettacolo interattivo e coinvolgente, mentre il 24 luglio grazie a Oblivion Collection il pubblico parteciperà a un viaggio attraverso i più grandi successi musicali degli Oblivion.

Sono i giardini di Mondovì, invece, a ospitare lo chapiteau di Piazza di Circo, rassegna organizzata dal centro di produzione blucinQue/Nice, con due appuntamenti serali: l’11 luglio la prima nazionale di Extra-ordinaire, regia di Guillaume Servely per CirkoVertigo; il 13 luglio Time to Loop, di e con Giulia Arcangeli e Luis Paredes.

Tra il Parco della Tesoriera di Torino, Villa Prever Tosco a Coazze, il cortile del Museo Garda di Ivrea e luoghi iconici della città di Novara proseguono le date di Corto Circuito, progetto rivolto a compagnie e spazi di aggregazione sociale all’insegna del trinomio “teatri abitati”, “scena contemporanea” e “nuovi linguaggi”.

Evergreen Fest, LinguaDoc, Morenica_NET e Cabiria Teatro le realtà coinvolte in questa estiva.

In pausa fino a settembre le attività della Lavanderia a Vapore di Collegno, nel cui cortile dal 26 giugno torna Flowers Festival, la rassegna estiva di risonanza nazionale, organizzata e promossa da Associazione Culturale Hiroshima Mon Amour e Cooperativa Culturale Biancaneve.

Per info e spettacoli: piemontedalvivo.it

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Cultura e Spettacolo