SOLIDARIETÀ – Carlo Olmo dona alla comunità islamica di Vercelli un importante contributo - VercelliOggi.it VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

SOLIDARIETÀ – Carlo Olmo dona alla comunità islamica di Vercelli un importante contributo      

La donazione permetterà l'avvio dei lavori sull'ala femminile e  la realizzazione di uno spazio culturale per i bimbi

Vercelli Città

Il Cavaliere della Repubblica, Carlo Olmo, ha donato un importante contributo alla moschea di Vercelli.

I soldi permetteranno all’associazione Assalm di avviare in tempi stretti i lavori per l’ampliamento dell’ala femminile e la realizzazione di uno spazio culturale per i bimbi.

Dove c’è stato bisogno, vuoi per una guerra, vuoi per una carestia, vuoi per la terribile pandemia da Covid-19, il Lupo Bianco ha dato un contributo. Lo ha concretizzato con i fatti,  in situazioni anche di estrema emergenza e non lo ha mai pontificato con le parole – ha sottolineato Olmo -. Per questo, dopo l’invito rivoltomi in queste settimane, ho deciso di aiutare concretamente Assalam con cui ho stretto una solida e sincera  amicizia da oltre un anno. Si tratta di più di 400 famiglie vercellesi. Sì, vercellesi. Perché lavorano, pagano le tasse, investono denaro, come tutti noi, nella nostra amata Vercelli”.

La consegna del contributo è avvenuta domenica, 26 marzo, nella moschea di corso Giovanni Paolo II alla presenza di oltre 400 fedeli che hanno applaudito il Lupo Bianco.

Ti ringrazio a nome di tutta la comunità” ha detto Akim, fondatore di Assalam.

Il presidente Harrada Nourredine e il segretario Mohammed Alilou hanno poi consegnato una targa di ringraziamento a Carlo Olmo e lo hanno ufficialmente invitato alla festa per la chiusura del Ramadan, il mese in cui si pratica il digiuno in commemorazione della prima rivelazione del Corano a Maometto.

Cerchiamo – ha esortato il Lupo Biancodi diventare migliori per essere utili sotto un unico cielo. Insieme possiamo migliorare Vercelli, possiamo fare grandi cose per i nostri figli e le generazioni che verranno dopo di noi”.

 

Redazione di Vercelli

Posted in Società e Costume