ISTITUTO LANINO – Incontro formativo con il dott. Alessandro Napoli - VercelliOggi.it VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

ISTITUTO LANINO - Incontro formativo con il dott. Alessandro Napoli magistrato della Corte dei Conti di Torino      

Il res0conto di Federico Calderaro della Classe 5°Assas

Vercelli Città

Venerdì 22 marzo nell’Aula magna dell’Istituto Tecnico “ Cavour”, perfettamente organizzato dal Dirigente scolastico prof. Paolo Massara e dalla professoressa Giulia De Santis, si è tenuto l’ incontro del dott. Alessandro Napoli, magistrato della Corte dei Conti di Torino , con gli  studenti delle classi 5^A AFM – SIA, 5^B AFM, 5^E S.C., 5^A S.S.A.S., 4^D TURISMO e 4^F C.A.T. e degli allievi del Liceo economico sociale dell’I.I.S. “Lagrangia”  accompagnati dai loro docenti e dal Dirigente scolastico prof.  Giuseppe Graziano.

Che la Corte dei Conti, organo ausiliario del governo introdotto in Italia dal 1862, abbia funzioni di controllo di legittimità su atti del bilancio e funzioni giurisdizionali, su contabilità pubblica e responsabilità patrimoniale dei funzionari civili e militari dell’amministrazione, lo si sapeva in quanto studenti di Diritto.

Nell’attenzione comune di noi allievi e delle nostre professoresse Sabrina Campisi e Antonella Ferrero e dei  docenti presenti, le parole dell’alto magistrato ci hanno chiarito vari dettagli, spaziando dalle cinque magistrature (compresi titoli per accedervi) a dovuti cenni all’opera di Cavour (discorso già introdotto dal nostro dirigente).

Quindi focus su servizi pubblici e stato sociale (bilancio: 1000 miliardi; voci di spesa: sanità, dipendenti pubblici, previdenza, servizi).

Particolarmente interessanti le note sulla gerarchia delle fonti, su Costituzione e ventilate riforme; sull’approccio Follow the money nel contesto operativo della Corte dei conti anche europea.

L’Italia, secondo paese per debito pubblico, è in posizione delicata durante le campagne elettorali a causa di promesse fatalmente inconsistenti.

L’aspetto etico della materia diventa concreto se si pensa al danno al patrimonio pubblico che le Corti dei conti cercano di arginare controllando l’oculatezza di spesa.

In conclusione, la magistratura italiana non rinuncia a chiedere conto ai funzionari pubblici del loro operato.

L’applauso spontaneo che ha chiuso l’incontro indica la nostra consapevolezza che dai tempi di Montesquieu sono state scritte pagine illuminanti in difesa dei diritti fondamentali dei popoli.

Da secoli i maestri della giustizia ricordano la necessità dell’indipendenza e separazione dei poteri: noi giovani non dobbiamo perdere fiducia nella capacità di cambiare le cose e nulla potrà fermare questa crescente presa di consapevolezza, né politici corrotti né magistrati ciechi e neppure la violenza delle armi!

La gente si indigna nel mondo: la coscienza si sta elevando e prima o poi si avrà una massa critica.

L’intervento del magistrato torinese è stato efficace anche sotto questo aspetto e lo ringraziamo.

Federico Calderaro – Classe 5°Assas

Istituto professionale Lanino

Per restare sempre aggiornato sui contenuti offerti da VercelliOggi.it aderisci ai nostri Canali Social:

Iscriviti alla nostra pagina Facebook

e al nostro Gruppo pubblico di Facebook

al nostro account di Instagram

al nostro canale di Whatsapp

al nostro canale Telegram

Redazione di Vercelli

Posted in Scuola e Università