ISTITUTO CAVOUR VERCELLI – Matteo Gardelli presenta agli allievi dell’Istituto Lanino il suo libro “Adesso io sono” - VercelliOggi.it VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

ISTITUTO CAVOUR VERCELLI - Matteo Gardelli presenta agli allievi dell’Istituto Lanino il suo libro “Adesso io sono”        

Il libro scritto con il collega romano Marco Ciogli racconta le storie di sei detenuti e del loro percorso di trasformazione

Vercelli Città

Martedì 21 marzo , presso l’Aula Magna dell’Istituto tecnico “Camillo Cavour” alle ore 10.00,  lo scrittore Matteo Gardelli  presenterà agli allievi dell’Istituto professionale “Bernardino Lanino” il  libro “Adesso io sono”.

Il rumore di errori e tentativi di rinascita: riusciti o naufragati. Un difficile, speranzoso intreccio di destini. Un sentiero di lati oscuri, tragedie e sorrisi.

Adesso io sono”, il secondo libro del giornalista Matteo Gardelli, scritto insieme al collega romano Marco Ciogli, racconta le storie di sei detenuti e del loro percorso di trasformazione.

C’è Dino: il bimbo portato in collegio dopo il divorzio dei genitori; il marito che ha inseguito illusioni che lo hanno poi portato in carcere da tanti anni e per tanti anni ancora; il padre che riabbraccia la figlia per la prima volta in un istituto religioso.

C’è Luigi: orfano di papà, giovane tassello di una compagnia sbandata e balorda e oggi genitore che, fra un impiego in lavanderia e in infermeria, corre veloce lungo il sentiero della libertà anticipata.

C’è Gian Luca: personaggio uscito dalle note di Fabrizio de André e della sua gemma, “Non al denaro non all’amore né al cielo”. È stato operaio della Fiat, responsabile della qualità in un’altra fabbrica, collezionista, giardiniere. Poi è diventato ‘prestigiatore’ per tante persone fra le quali un boss della malavita e un “tizio molto in alto nelle forze dell’ordine”.

C’è Dora: sarta dagli occhi di ghiaccio.

C’è Simone: maestro di sci, talent scout dell’Aprilia e innamorato di una funzionaria di polizia per la quale chiamò, addirittura, Stranamore.

C’è Antonella. La donna che ha vissuto tre vite: allevatrice di cavalli, responsabile di un’azienda e ora cuoca.

C’è qualcosa nella mia testa, ma non sono io” canterebbe Roger Waters. Da ogni racconto nasce un cocktail di dolore e bellezza che accompagnerà il lettore nell’abiurare quel populista “buttate via la chiave”.

Matteo Gardelli è nato a Novara nel 1985.

Giornalista professionista ha scritto per quattro anni per “Notizia Oggi” e quindici per “La Sesia”. E’ autore de “Il vento della libertà”. Il libro sulla missione umanitaria in Ucraina di Carlo Olmo e Angela Oliviero.

E’ direttore marketing e comunicazione per le filiali Tecnocasa di Vercelli.

Marco Ciogli è nato a Rieti nel 1990.

Tra studi umanistici e scientifici si dedica alla professione giornalistica  come radiocronista sportivo, redattore online e responsabile ufficio stampa.

E’ Seo copywriter freelance e libero professionista.

 

Redazione di Vercelli

Posted in Scuola e Università