CARABINIERI BIELLA – Contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti - VercelliOggi.it VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

NOTIZIE DAI CARABINIERI - Biella - Contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti          

Segnalati 8 cittadini stranieri tutti residenti fuori provincia

BiellaOggi

Nei giorni scorsi, a coronamento di una prolungata, particolare e delicata attività investigativa, finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, i militari della Sezione Operativa del N.O.RM. della Compagnia Carabinieri di Biella, in collaborazione con il N.I.P.A.A.F. del Comando Carabinieri Forestale di Biella, coordinati dalla Procura della Repubblica di Biella hanno denunciato 8 cittadini stranieri extracomunitari per “produzione, traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente o psicotropa”, “soggiorno illegale nel territorio dello stato” e “porto di armi od oggetti atti ad offendere”.:

Nel particolare l’operazione si è cronologicamente così svolta:

in una prima fase tra il mese di agosto 2023 ed il mese di novembre u.s. in seguito allo svolgimento di mirati servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti svolti nelle aree boschive dei comuni di Donato, Mongrando, Sala Biellese e Zubiena, emergeva che alcuni soggetti nordafricani, provenienti dall’hinterland milanese e torinese, avevano posto in essere un’attività di spaccio di sostanze stupefacenti nei confronti di assuntori residenti in questa provincia, previo contatto telefonico e successivo incontro nelle aree silvestri menzionate.

In tale contesto i militari operanti il 3 ottobre 2023, in Sala Biellese, località Bornasco, durante mirato servizio di Osservazione Controllo e Pedinamento rinvenivano e ponevano in sequestro, convalidato dalla locale A.G. che concordava con l’attività investigativa svolta dai militari operanti:

grammi 55,77 (cinquantacinque/77) di sostanza stupefacente “cocaina”;

grammi 176,61 (centosettantasei/61) di sostanza stupefacente “hashish”;

grammi 76,93 (settantasei/93) di sostanza stupefacente “eroina”;

n.3 telefonini cellulari;

n.1 bilancino di precisione.

Nel proseguo delle indagini, in data 10 ottobre u.s., in Zubiena, zona boschiva, venivano rinvenuti:

ulteriori grammi 92,5 (novantadue/5) di sostanza stupefacente “eroina”;

n.1 telefono cellulare;

euro 120,00 (centoventi/00), in denaro contante.

Tali risultanze, confortate dalla disamina dei tabulati telefonici, inerenti il traffico dei telefonini oggetto di sequestro, l’escussione dei numerosissimi assuntori/acquirenti dello stupefacente (tutti successivamente segnalati all’autorità prefettizia quali assuntori ai sensi dell’art. 75 d.p.r. 309/1990) ed il certo riconoscimento fotografico degli indagati, consentivano di individuare i sotto indicati, quali responsabili dei reati ascritti.

Questa prima fase si concludeva il 14 novembre 2023 con il deferimento in s.l. di libertà di 4 cittadini extracomunitari di origine marocchina, un 23enne residente in provincia di Lecco, un 25enne senza fissa dimora, un 27enne senza fissa dimora ed un 24enne residente in provincia di Torino, gravati da pregiudizi di polizia per vari reati in materia di stupefacenti, armi contro il patrimonio e in materia di immigrazione clandestina:

nella seconda fase il 6 dicembre 2023, i Carabinieri deferivano in stato di libertà 2 cittadini extracomunitari di origine marocchina, un 25enne residente in Milano ed un 24enne residente in Torino, entrambi gravati da pregiudizi di polizia per vari reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio.

Nella circostanza, nella mattinata, nel corso di mirato servizio, effettuato in zona agro boschiva del comune di Sala Biellese frazione Bornasco, i militari operanti procedevano al controllo dei deferiti, accampati all’interno di una tenda da campeggio, la cui presenza nella zona risultava assolutamente ingiustificata.

A seguito di perquisizione, gli operanti rinvenivano un involucro contenente grammi 0,53 (zero/53) di sostanza stupefacente di tipo eroina, mentre all’interno della tenda venivano rinvenuti n.3 (tre) coltelli con lama della lunghezza rispettivamente cm 20,5 (venti/5), cm 19 (diciannove) e cm 11,2 (undici/2), unitamente a due telefoni cellulari e altro materiale atto al confezionamento in dosi di stupefacente.

Rilevata altresì la mancanza di documenti per entrambi i soggetti, gli stessi venivano accompagnati presso questi uffici, dove, al termine dei rilievi segnaletici ed ulteriori accertamenti, venivano loro notificati decreti di espulsione emessi dal Prefetto di Biella, con accompagnamento a Centro di Permanenza per i Rimpatri e con ordine di lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni.

Il materiale rinvenuto veniva posto in sequestro, successivamente convalidato dalla locale A.G. che concordava con l’attività investigativa svolta dai militari operanti;

nella terza e ultima attività, in Donato, in località adiacente zona boschiva, il 7 dicembre 2023 i Carabinieri rintracciavano e controllavano 2 cittadini extracomunitari di origine marocchina, un 27enne residente in provincia di Pavia ed un 34enne residente in Milano, gravati entrambi da pregiudizi di polizia per vari reati in materia di stupefacenti, armi contro il patrimonio. In seguito a perquisizione accurata rinvenuta della sostanza stupefacente. A conclusione degli accertamenti il primo veniva munito di foglio d’invito per presentarsi alla Questura di Novara per regolarizzare la sua posizione, mentre il secondo veniva segnalato alla competente Prefettura per detenzione di modica quantità di sostanza stupefacente, gli operanti rinvenivano grammi 3 (tre) circa di sostanza stupefacente di tipo hascisc.

Tale attività investigativa, svolta da quest’Arma, anche grazie ad un capillare e costante controllo del territorio con servizi preventivi, consentiva lo smantellamento della fiorente attività di spaccio che si era oramai da mesi insediata nei boschi della Serra biellese.

 

Redazione di Vercelli

Posted in Cronaca