VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 15 aprile 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
VideoNotizie
08/03/2021 - BORGO VERCELLI - Rifiuti industriali tra i corsi d'acqua -
Quando finirà la storia di questi rifiuti industriali accatastati ed abbandonati a Borgo Vercelli, a due passi dalla Via Vinzaglio e da quella intitolata a Mons. Rastelli, Fondatore dell’Oftal?
Un posto che tutti possono “frequentare”, basta che abbiano un paio di stivali da ortolano con i quali guadare la roggia che separa la strada di campagna dai campi confinanti con lo spettrale fabbricato paleoindustriale.
E si vede che qualcuno lo frequenta, perché, tra i vari reperti che vi trova il nostro Lettore che ha voluto segnare a VercelliOggi.it la situazione, figura anche una mascherina chirurgica.
Di quelle introvabili a marzo dell’anno scorso.
I tanti problemi ambientali che la situazione genera sono evidenti: i mezzi multimediali non possono, almeno per ora, raggiungere anche il senso dell’olfatto.
Se si potesse, il Lettore avrebbe anche questa testimonianza di ciò che dovevano contenere i bidoni blu, grigi e neri accatastati, insieme a lastre di Eternit a bagno nell’acqua della roggia.
Il compendio immobiliare (in parte, ma finito di costruire, in altra parte risalente, verosimilmente, ai primi del ‘900) è posto in un contesto che ricorda (si perdoni l’accostamento) quello dell’Isola Tiberina, a Roma.
Attorno alla particella di terreno scorrono due rogge e la diramazione di un canale.
Di poco a monte, il depuratore di Asm Vercelli, con tanto di favi di vespe nella cabina del contatore elettrico: quando si dice la cura delle strutture.
***
I Lettori che ci portano questi reperti sono stupiti che una cosa del genere possa essere ancora lì, dopo tanto tempo.
Soprattutto perché, al di là dei possibili materiali inquinanti, è tutto facilmente raggiungibile da chiunque.
E, infatti, qualcuno deve esserci passato, non fosse altro che per ornare le grigie mura con fantasiosi murales.
Il rischio è (anche) quello di cadere di sotto: manca qualsiasi protezione, sui vetusti ballatoi.
Ma soprattutto di respirare quei miasmi.
Un caso di lana caprina, dal punto di vista amministrativo, che si spera abbia presto soluzione.
Ci sarebbe anche la disponibilità di Volontari per dare una mano alla bonifica.