VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 28 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




28/08/2014 - Cuneo - Cronaca

VILLAFALLETTO - "La marcia del dolore - Il buon calzolaio e il povero pescivendolo" - Ad 87 anni da quel giorno, il film originale sulle esequie di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti

L’attualità di un messaggio radicale: nessuno ha il diritto di sopprimere una vita umana






VILLAFALLETTO - "La marcia del dolore - Il buon calzolaio e il povero pescivendolo" - Ad 87 anni da quel giorno, il film originale sulle esequie di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti
Giovanni Vanzetti, discendente di Bartolomeo, davanti alla tomba di famiglia a Villafalletto

Dopo la primissima di Savigliano (palazzo Taffini, 23 maggio), la proiezione fiorentina (Istituto De Martino, Sesto Fiorentino, 22 agosto), l'anteprima pugliese di Torremaggiore (Castello ducale, 25 agosto) il film «The March of Sorrow - The Good Shoemaker and the Poor Fishpeddler» («La marcia del dolore - Il buon calzolaio e il povero pescivendolo») approda nella serata del 28 agosto a Villafalletto, auspice l'Amministrazione comunale ed il sostegno di alcune associazioni, una delle quali americane. Si tratta del filmato del funerale di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, recentemente restaurato a Boston e proiettato in anteprima in Italia in circostanze ed eventi commemorativi particolari.

Il fatto che la proiezione avvenga nel cortile della casa ove l'11 giugno 1888 nacque Bartolomeo Vanzetti ha un significato profondamente simbolico.

È la prima volta nella storia dei fatti che tale luogo diventa rappresentativo di una situazione commemorativa locale ed internazionale ed è sintomo della volontà dell'Amministrazione comunale - e dei villafallettesi tutti - di unirsi in un corale ricordo del loro concittadino tragicamente finito in terra americana, mandato sulla sedia elettrica il 23 agosto 1927 a causa di un delitto da lui - e dal suo compagno di sventura Nicola Sacco - mai commesso.

A parte gli atti ufficiali del gemellaggio con Torremaggiore (che non riguardavano esclusivamente le due vittime della mala giustizia americana) e l' intitolazione della scuola locale a Bartolomeo Vanzetti, è dal 1977 che il Comune non celebra in forma ufficiale un avvenimento legato così intimamente al proprio concittadino.

Prossimamente sarà poi la volta della consegna ella cittadinanza onoraria a Giuliano Montaldo, regista del film del 1971 «Sacco e Vanzetti».

Il film sul funerale di Nicola e Bartolomeo (celebrano a Boston il 28 agosto 1927) è una circostanza particolare che sta ravvivando, ovunque nel mondo, la memoria sul caso dei due anarchici italiani, in vista ormai del novantennale della loro esecuzione.

Il caso dei due emigrati continua a rimanere più vivo che mai.

Ogni anno si pubblicano libri che affrontano il tema, si moltiplicano gli studi e le ricerche che ne approfondiscono la storia, crescono le iniziative di supporto e di divulgazione, si consolidano le iniziative cinematografiche, teatrali, fotografiche, letterarie ed artistiche in generale. Gli archivi continuano a riservare elementi di novità e fornire materiale per consolidare la ricerca storica ed alimentare le possibilità di approfondimento. La storia, che sino ad oggi ha prodotto oltre cinquecento volumi e migliaia e migliaia di saggi su giornali e riviste di tutto il mondo, molte volte è stata costruita sulla base di notizie non verificate che si sono tramandate come consuetudini consolidate. Invece, tali, sovente, non sono state. Molti errori sono stati compiuti.

La serata di Villafalletto, che vedrà lo storico Luigi Botta illustrare alcuni passi inediti della storia dei due sfortunati italiani, servirà anche a correggere parecchie inesattezze - alcune anche gravi - presenti in tutti gli interventi divulgativi sin qui pubblicati. Botta, che ha al suo attivo il volume «Sacco e Vanzetti: giustiziata la verità» del 1978, raccoglie da molti lustri materiale e documenti sul caso. Ha collegamenti con tutto il mondo ed il suo archivio personale conserva migliaia e migliaia di giornali, immagini, saggi, copie, cartacei e digitalizzati riguardanti i due italiani.

Alla serata sarà anche presente Giovanni Vanzetti (nipote di Bartolomeo), che, alla memoria di Vincenzina (della quale si celebra quest'anno il ventennale della morte) e insieme al sindaco e al vice sindaco, Giuseppe Sarcinelli e Davide Cravero, introdurrà l'argomento.

Il filmato è particolarmente importante: recentemente restaurato da Jerry Kaplan per conto della «Sacco and Vanzetti Commemoration Society» di Boston, ha una storia del tutto singolare.

Venne realizzato in modo partigiano in quanto il Governo degli Stati Uniti, proprio soltanto il giorno dell'esecuzione di Sacco e Vanzetti, diede ordine che tutti i filmati sul caso dei due italiani venissero distrutti.

Così fu.

Il Comitato di Difesa di Boston guidato da Aldino Felicani diede però incarico ad alcuni cineoperatori di riprendere di nascosto il funerale per documentarlo ai posteri. La pellicola finì poi in mano anonime.

Venne acquistata per 1.000 dollari dal giornalista Gardner Jackson, mostrata nel 1930 e poi conservata dal medesimo. Si perse nuovamente. Dopo alcuni lustri, alla fine degli anni Cinquanta, venne ritrovata dallo scrittore Francis Russel nella fase di preparazione del suo libro «Tragedy in Dedham. The Story of the Sacco Vanzetti Case». 

Era disordinata ed a spezzoni, quasi irriconoscibile. Provvide a farla riordinare con un montaggio che fu approssimativo e che eliminò alcune parti ritenute di scarsa qualità e danneggiate. 

Nel 1962 lo scrittore la donò alla Brandeis University di Waltham, Massachusetts. Lì venne nuovamente dimenticata. Con la donazione nel 1979 di tutto il patrimonio del Comitato di Difesa alla Boston Public Library, la pellicola venne recuperata, duplicata e mostrata in pubblico a Boston un paio di volte. Lo scorso anno Jerry Kaplan riprende in mano le sei sezioni del film, che durano all'incirca sei minuti, le studia, elimina le ripetizioni e le riprese extra soggetto. Rimangono complessivamente 4'30" di proiezione.

Li rimonta cronologicamente, seguendo scrupolosamente i quarantatre stacchi di scena.

***

Se ti piace VercelliOggi.it con il network PiemonteOggi.it seguici anche su Facebook.

Clicca “mi piace” sulla nostra fan page: https://www.facebook.com/vercellioggifanpage?ref=hl

e offrici la Tua amicizia sulla pagina dei nostri Redattori: https://www.facebook.com/vercellioggi . Dialogheremo meglio e più tempestivamente; potremo ricevere le Tue osservazioni su ciò che scriviamo e pubblichiamo: è una cosa che ci aiuta molto a migliorare ancora la qualità del nostro servizio.

Per tenerci sempre in contatto, possiamo scambiarci opinioni nel nostro Gruppo Aperto, che è la grande “piazza” di Vercelli e provincia dove tutti possono incontrarsi per parlare dei momenti importanti della vita di ciascuno: lavoro, famiglia, sport, cultura, religione, tempo libero, politica.

Ecco dove siamo: https://www.facebook.com/groups/vercellioggi/

Ti aspettiamo e ricorda:

“mi piace” su              https://www.facebook.com/vercellioggifanpage?ref=hl

Amicizia su               https://www.facebook.com/vercellioggi

Gruppo aperto su            https://www.facebook.com/groups/vercellioggi/ .

***

 


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it