VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 27 gennaio 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




19/11/2020 - Lungosesia Ovest e Baraggia - Economia

TRIPPA PER I GATTI / 707 ter - Andò per tranvare e rimase tranvato - Baraggia isolata: ma non è la cronaca di un'alluvione - Tutti i Soci di Sii spa contro la proposta del Presidente del Consorzio di silurare Leonardo Gili -

Ora l'acqua pubblica, cioè la gestione degli acquedotti da parte di un solo gestore pubblico e, soprattutto, senza scopo di lucro e finalità speculative, ha un futuro - Ma è solo una battaglia, la guerra e ancora lunga, difficile, incerta -




TRIPPA PER I GATTI / 707 ter - Andò per tranvare e rimase tranvato - Baraggia isolata: ma non è la cronaca di un'alluvione - Tutti i Soci di Sii spa contro la proposta del Presidente del Consorzio di silurare Leonardo Gili -

Una tranvata di proporzioni ciclopiche.

Il Consorzio di Bonifica della Baraggia completamente solo ed isolato da tutti gli altri Soci della Sii spa.

Così, in estrema sintesi, il trattamento riservato oggi, 19 novembre, dall’Assemblea degli azionisti di Sii spa, la società di gestione delle acque in Baraggia e comuni del Nord della provincia di Vercelli e Basso Biellese.

Riservato a chi?

Proprio al Presidente del Consorzio di Bonifica della Baraggia, Dino Assietti, che, arrivato come un castigamatti, se n’è andato come l’Aretino Pietro, con una mano davanti e l’altra dietro.

Ma andiamo con ordine.

***

Dunque, sappiamo che alle 16 di questo pomeriggio, in videoconferenza, è stata convocata e con urgenza (motivata da ragioni che, come vedremo, sono parse incomprensibili ai più) l’Assemblea dei Soci Sii spa.

Ordine del Giorno: fare fuori Leonardo Gili dal board della stessa Sii.

Nell’articolo di stamane

– leggilo qui –


abbiamo anticipato come sia composto il Capitale Sociale della stessa Sii spa: il 33 per cento dal Consorzio presieduto (carica quanto mai traballante, dopo l’assemblea odierna) proprio da Dino Assietti.

Il 20 per cento dalla Sma Torino.

Il 9 per cento dal Comune di Cossato e le restanti quote ripartite tra altri 59 Comuni, con percentuali che variano dal 3 per cento, fino agli zero virgola qualcosa.

***

Diciamo subito il risultato finale della votazione che poneva il quesito: siete favorevoli o contrari a fare fuori Gili, come chiede Assietti?

La riposta: favorevole solo il Consorzio di Bonifica della Baraggia, con 80 mila voti rappresentati.

Contrari 144 mila voti.

Cioè tutti: Smat, Cossato e tutti i Comuni, ad eccezione di 2 mila voti di piccoli centri astenuti (a memoria: Collobiano, Greggio e un altro che – si conceda – ora non ci sovviene).

***

Un piccolo focus su cosa rappresenti e conti la Società Metropolitana Acque (sma) Torino nel panorama regionale dei Gestori d’acqua pubblica.

– leggi qui -


Dominus unanimemente riconosciuto della Società e del Gruppo è l’ Ing. Paolo Romano, una vera autorità nel settore, oggi collegato personalmente all’assemblea in video conferenza.

Personalità, si diceva, di assolute esperienza ed autorevolezza.

Ciò è vero, anche se taluno non è mai riuscito a darsi spiegazione plausibile di un fatto.

Pare che sia proprio lui ad avere insistito perché l’Oriundo ben noto in quel di Vercelli per le sue gesta in Corso Palestro, fosse designato presidente di Confservizi Piemonte e Valle d’Aosta.

Confservizi è la federazione delle varie multiutilities, cioè tutte le “Atene” della regione.

Comunque, non sarà certo questo punto interrogativo (lecito, ma tutt’altro che importante) ad offuscare una fama, invece costruita grazie a costanti conferme.

E, soprattutto, questo non c’entra niente con il tema di oggi, cui ritorniamo, perciò, di gran carriera.

***

Dunque, la Smat è qualcosa che sta, sia alla Sii spa, sia al Consorzio della Baraggia, un po’ come una portaerei potrebbe stare al moscone del bagnino sulla spiaggia di Viserbella.

***

Solo un particolare?

Forse: utile, però, per capire quali siano le reali forze in campo, soprattutto quando si parla di coloro che sono a favore o contro la gestione pubblica degli acquedotti.

Cioè chi sono gli amici ed i servi di Iren e chi sono, invece, gli amici dei cittadini ed i servitori della Pubblica Amministrazione.

La Smat è sicuramente dalla parte dei buoni, cioè non è né tra gli amici e men che meno tra i servi di Iren.

***

Sicchè, la posizione particolarmente critica nei confronti della proposta di Dino Assietti, il deciso voto contro il siluramento di Gili, sono del tutto assonanti con la battaglia che il silurando, ma poi non silurato Gili medesimo sostiene per riunire in un solo Ente di gestione tutti coloro che vogliono che sia completamente pubblica la cura degli acquedotti di Vercelli, Biella, Valsesia, Casale, Valenza.

Questo il territorio interessato.

***

Esperto com’è di cose del mondo e di questi mondi in particolare, Paolo Romano potrebbe avere sgamato che il Richelieu in erba dell’operazione sia da tanti individuato nella figura del direttore, Alessandro Iacopino.

Notoriamente in rotta, da tempo, con il Gili.

Ma, soprattutto, da almeno altrettanto tempo oggetto dei corteggiamenti insistenti da parte di Iren e soprattutto dall’uomo (modi di dire) di Iren a Vercelli, Roberto Conte, Amministratore Delegato di Asm Vercelli.

E c’è chi sarebbe disposto a scommettere che, al modo di una idraulica Raperonzolo, Iacopino abbia gettato la lunga treccia dalla sommità della torre, offrendola alla scalata dello spasimante.

Sarà vero?

Non sarà vero?

Si vedrà.

***

Dunque, del siluramento di Gili non se ne fa nulla.

Tutti contro, tutti a proferire severe parole di biasimo per un’iniziativa presa nel momento in cui – tra l’altro e non è particolare di poco conto – c’è ben altro cui pensare.

***

Il Consorzio di Bonifica della Baraggia vorrebbe (avrebbe voluto) – è la tesi illustrata nei precedenti articoli, con tanto di documenti – fare fuori Leonardo Gili dalla Sii spa perché il curriculum presentato dal medesimo farebbe rilevare qualche (presunta) inesattezza.

Oltre a smontare le – pretese – inesattezze, oggi l’Assemblea ha invitato Dino Mercandino e la Baraggia ad occuparsi di problemi assai più importanti ed urgenti.

Poi, arriverà anche il momento in cui lo stesso Mercandino dovrà fare i conti con la Mozione di sfiducia che un bel gruppo di esponenti del Consorzio ha già presentato nei suoi confronti.

Ma, come si dice, a ciascun giorno la sua pena.

***

Sicchè la giornata di oggi si chiude con un 4 a zero palla al centro.

***

Da domani (se non domani, lunedì, perché le cose da fare sono tante e la materia complessa) si potrà tornare a parlare di acqua pubblica, gestori riuniti, processo di aggregazione tra le sette società che operano in questo territorio.

Si parlerà, naturalmente, anche della posizione che il Comune di Vercelli dovrà, presto o tardi, adottare.

Che fare?

Ci riprendiamo l’acquedotto?

Lo lasciamo “in pancia” ad Atena Asm Iren?

Lo perdiamo del tutto?

A questo proposito sarà utile la lettura di due documenti che potremo pubblicare.

Quello sicuramente più importante, dal punto di vista della fattibilità dell’operazione “Gestori riuniti” nella società unica “Acquedueo scarl” è il parere preparato dall’ Avv. Mario Comba il 5 giugno 2018 e rimasto forse troppo tempo nel cassetto.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it