VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 25 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




10/09/2020 - Vercelli Città - Enti Locali

TRIPPA PER I GATTI / 682 - Clamoroso al Cibali: l'Assessore Michelini non si ricorda neppure più quando dovremo (se mai potremo) riprenderci l'acquedotto - Figuriamoci come ci stanno lavorando - Ma la Prima Commissione non ci sta e dà l'ultimatum

Nel pomeriggio di oggi la rettifica: lo smemorato non è l'Assessore Michelini, ma lo è stato il Sindaco Andrea Corsaro quando ha risposto all'interrogazione dei Consiglieri Scheda, Campominosi, Conte - Vediamo perchè...






TRIPPA PER I GATTI / 682 - Clamoroso al Cibali: l'Assessore Michelini non si ricorda neppure più quando dovremo (se mai potremo) riprenderci l'acquedotto - Figuriamoci come ci stanno lavorando - Ma la Prima Commissione non ci sta e dà l'ultimatum

Aggiornamento 11 settembre - ore 15,30 - 

Fonti comunali precisano nel primo pomeriggio di oggi, rispetto all'articolo precedente sullo stesso argomento, di ieri, 10 settembre e riportato di seguito, che il termine per l'esercizio del diritto di opzione volto al rientro nel possesso delle reti idriche comunali da parte della Municipalità di Vercelli sia effettivamente stabilito circa otto mesi da oggi, quindi nella Primavera del 2021.

L'errore, dunque, non è dell'Assessore Luigi Michelini, ma del Sindaco Andrea Corsaro che, rispondendo all'interrogazione presentata sul punto dai Consiglieri di "Voltiamo Pagina" Roberto Scheda, Paolo Campominosi, Andrea Conte, scriveva che tale opzione andasse esercitata entro il mese di novembre 2020.

Le lettera di Corsaro è linkata poco sotto, nel corpo del testo preparato ieri, a conclusione della riunione di Commissione - 

Ne prendiamo doverosamente e volentieri atto, anche perchè ci auguriamo che questo maggiore lasso di tempo possa essere utile per rinvenire le migliori soluzioni tecniche per dare attuazione a quanto deliberato a suo tempo dalla maggioranza dei Consiglieri, che, allora in minoranza, oggi sostengono la Giunta.

***

Non si ricordano nemmeno quando, entro quando, bisogna riprendersi, se vogliamo riprenderci, gli acquedotti.

L’Assessore a praticamente tutto, il Gianni Letta del Sindaco, Gigi Michelini, oggi in Prima Commissione Consiliare è serafico, pacifico, nulla lo tange: riprenderci l’acquedotto? Ma intanto c’è tutto il tempo per parlarne, decidere con calma, cosa vi agitate a fare?

E, continua l’Assessore al Bilancio e Partecipate: si deve decidere tra otto mesi.

Da settembre, otto mesi significa maggio dell’anno prossimo.

A quel punto, è il Presidente della Commissione, Paolo Campominosi, a ricordargli: no, guardi che il Sindaco, a luglio 2019, appena arrivato, ci ha scritto che l’opzione va esercitata entro fine 2020.

E gli fa vedere la lettera: leggila qui

Insomma, un po' smemorato, sicchè è inevitabile che torni in mente quello famoso di Collegno: lo smemorato di Piazza Paietta.

A quel punto il compassato Leguelio ammette: allora chiedo scusa, ho sbagliato.

Nulla, però, che faccia trapelare il passo successivo: allora dobbiamo darci una mossa. 

Ma andiamo con ordine.

***

Dunque, se riprenderci o no gli acquedotti di Vercelli, perché siano poi conferiti ad un consorzio tutto pubblico tra gli attuali Gestori di Ato2, è una cosa che pare non passare nemmeno per l’anticamera del cervello della attuale Amministrazione.

In cosa si differenzia, quindi, la attuale Amministrazione dalla precedente?

Dalla faccia.

Questi non ci provano nemmeno (come invece fa l’ex Sindaco, sempre intervenendo nella riunione di oggi) a tentare di dire qualcosa del tipo: non è vero che dal 2017 ad oggi non abbiamo fatto niente per istruire questa pratica (tra poche righe vedremo cosa si sarebbe dovuto fare): abbiamo fatto dei colloqui con Asm Vercelli, poi Atena ha fatto dei conti.

Insomma, qualcosa abbiamo fatto.

Michelini è chiaro: non abbiamo fatto niente, ma ci stiamo pensando.

Però – mi chiedo – perché dovremmo cambiare, se siamo contenti di Asm Vercelli?

Quindi il loro pensare sa tanto di una cosa di maniera.

***

Veda il Lettore se – all’alba del 10 settembre 2020, 15 mesi dopo il ritorno di Andrea Corsaro in Comune – trova differenze tra prima e dopo, su alcuni cruciali temi.

Dunque, riassumendo.

Il Coperchio al Centro Nuoto voluto dalla Giunta precedente lo fanno anche questi, pari pari, se non peggio.

La fabbrica dei pallets alla formaldeide voluta da Iren, con il consenso della Giunta precedente, ha il consenso anche di questa Giunta.

A proposito di acqua pubblica per cui la precedente Amministrazione non ha certo accelerato il passo, questi non si ricordano nemmeno entro che termine di debba esercitare l’opzione.

Di eliminare la pratica imbarazzante ed opaca dei doppi e tripli incarichi (e doppi e tripli stipendi) ai Dirigenti Comunali, questi non ci pensano proprio, anche perché il sistema è stato messo a punto proprio sotto (molto sotto) le precedenti Amministrazioni Corsaro.

Del Decoro Urbano è meglio non parlarne.

Della Cultura anche.

Dello Sport figuriamoci.

E allora perché i vercellesi hanno votato Andrea Corsaro? 

Per sentirsi dire dall'Assessore Michelini: ma perchè ce l'avete con Iren?

Sapranno loro dare una giustificazione all'Elettorato.

Per ora tra Comune, Giunta del Niente ed Iren si risolvono le loro questioncelle nel corso di cenette come quella al Bue Rosso, che abbiamo cuccato nel corso di questa Estate

– leggi qui –

e certo che, se si parla con l’interlocutore Iren alle cenette, tra una forchettata di carne succulenta ed una sorsata di vino rosso di buon corpo, cosa vuoi che conti, poi, un Consiglio Comunale?

***

Ma perché la riunione di oggi?

Per un motivo molto semplice ed assolutamente logico.

E’ stato il Consigliere Michelangelo Catricalà (5Stelle) a proporre a Campominosi (che ha accolto al volo) di convocare questa riunione che aveva un ordine del giorno molto chiaro:

“Deliberazione del Consiglio Comunale n. 88 del 28

Settembre 2017 – verifica degli adempimenti conseguenti posti in essere dalla Giunta e dagli Uffici Comunali”.

***

Ci ricordiamo di cosa capitò in quel 28 settembre 2017?

– per rinfrescare la memoria, leggi qui la deliberazione di allora -


***

e qui un articolo riepilogativo della materia


***

Capitò che il Consiglio Comunale, appunto a settembre 2017, con una ampia maggioranza trasversale, che andava da Forza Italia, alle Lega, ai 5Stelle, agli Indipendenti di Centrosinistra, a Maria Pia Massa di Voce Libera (insomma, 16 voti contro 10 di Pd ed alleati) disse: il Comune si dovrà riprendere l’acquedotto.

Può farlo perché negli atti di cessione delle quote di maggioranza ad Iren, è esplicita questa previsione.

Il termine è, appunto, fine 2020.

Cioè 5 anni dopo quel nefasto 17 dicembre 2015, quando Atena fu svenduta per un piatto di lenticchie.

Come si legge nella decisione del Consiglio Comunale, “da subito” ci si sarebbe dovuti mettere di buzzo buono per calcolare cosa valesse l’acquedotto e come fare a (ri)pagarlo.

E’ stato fatto qualcosa?

Maura Forte oggi dice (riassumiamo): sì, abbiamo fatto degli incontri e Atena ha anche fatto dei conti.

Questi conti – osserva il Vice Presidente della Commissione, Giorgio Malinverni - nessuno però li ha mai visti.

Ma, come abbiamo detto, la nuova Amministrazione, non si ricorda neppure entro quando si debba decidere: Michelini parla di otto mesi, quindi a maggio 2021, ma l’anno scorso avevano detto (e questo è il termine giusto) a fine 2020.

Per dire quanto gliene possa importare.

***

Aiutato da un chiaro intervento di Alberto Perfumo e dalla presenza in aula di Carlo Riva Vercellotti, il tandem Catricalà – Campominosi, ottiene un bel risultato.

Sempre con fatica, sempre scontando vischiosità, sempre incontrando muri di gomma (Iren sa come farsi voler bene, inutile negarlo) da parte degli amici di Iren.

Ma lo ottiene.

Il risultato è questo: la Commissione ha votato – infine ed all’unanimità, questo è già un risultato importante – per appello nominale, questo indirizzo: dà mandato alla Giunta di procedere ad uno Studio di fattibilità (della cessione del ramo di Azienda Acquedotto, ndr) da presentarsi alla Commissione stessa entro e non oltre il 30 ottobre 2020.

La Giunta del Niente si darà una mossa?

Vorranno, almeno, fare finta di non avere già deciso che, intanto, la decisione del 2017, per loro sembra essere carta straccia?

Archiviata forse con un rutto di commiato alla prossime cenetta segreta?

Chi vivrà, vedrà.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it