VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
venerdì 27 novembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




26/09/2018 - Vercelli Città - Politica

TRIPPA PER I GATTI / 504 - Plastica: la convocatio precox delle Commissioni, conseguenza di intortamenti compulsivi? - Maggioranza come l'antica morgue: ex 18 -

Del tutto sbertucciate durante la Presidenza di garanzia ( di garanzia del Pd ) di Michele Gaietta, erano rimaste lì a fare numero.




TRIPPA PER I GATTI / 504 - Plastica: la convocatio precox delle Commissioni, conseguenza di intortamenti compulsivi? - Maggioranza come l'antica morgue: ex 18 -
L'Aula del Consiglio Comunale di Vercelli -

Più che di plastica, si è trattato di un catalizzatore.

Quell’agente che determina le reazioni chimiche tra elementi i quali, altrimenti, senza l’intervento del catalizzatore, se ne starebbero lì tranquilli, nella reciproca indipendenza.

Oppure, le reazioni si svilupperebbero comunque, ma nel corso di anni: mentre il catalizzatore le accelera e così si compiono in pochi minuti.

***

Perché, a cascata, l’affrettata delibera agostana per procedere ad una piccola e sperimentale raccolta parzialmente differenziata di parte della plastica vercellese ha fatto tornare in mente a qualcuno che esistono le Commissioni permanenti del Consiglio Comunale.

Del tutto sbertucciate durante la Presidenza di garanzia ( di garanzia del Pd ) di Michele Gaietta, erano rimaste lì a fare numero.

Ma andiamo con ordine.

***

Dunque, fino ad oggi, l’Amministrazione ha abitato la propria rassicurante second life.

Il mondo parallelo della Giunta che “comanda” e “decide”.

Poi, sì, è vero, esiste anche il Consiglio Comunale, ma – intanto – chi ci bada ancora?

Quando c’è qualcosa di importante si dice ai compagni eventualmente malpancisti: ma vorrete mica votare come la destra?!

Ed i compagni, ammaliati da questo o simili sillogismi, a votare, mugugnando e giurando che è l’ultima volta.

Quanto all’Opposizione, ci fosse una volta che ci sono tutti, sarebbe anche una bella cosa.

Perché quando sono stati presenti tutti e 15 i risultati li hanno avuti.

E così quelli della Giunta, tra un espediente dialettico ed un’assenza di troppo in minoranza, tirano a campare come possono.

***

Dunque, la plastica.

Tanti Consiglieri, quando sono venuti a sapere che l’8 agosto in Giunta avevano deciso di dare altri 300 mila euro l’anno agli amici e compagni di Atena – Asm – Iren per togliere i cassonetti gialli (solo quelli, perché i verdi restano) senza interpellare nessuno, si sono decisamente inalberati.

A parte le questioni di Galateo istituzionale, ce ne sono di belle concrete: perché, ad esempio, un sovra costo di 300 mila e non tre milioni di euro o cinque euro?

Questo prezzo chi lo ha fatto?

Lo hanno – putacaso – fatto gli stessi Fornitori, cioè gli amici e compagni di Atena Asm Iren e il Comune se l’è bevuto come un crodino?

Perché non va dimenticato che gli amiconi di Iren non sono “Tecnici” esterni, indipendenti, “terzi”.

Sono gli stessi che ti vendono il prodotto.

E chiedere all’0ste se il proprio vino sia buono, è qualcosa che forse agli amiconi e compagni del Pd regionale può apparire normale, ma alla gente normale invece appare ingenuo o, al limite, furbesco o, al limite massimo, persino eversivo.

***

PASSO A LATO, PIU’ CHE INDIETRO

Dopo buffi e goffi tentativi di non revocare la delibera agostana, adottandone una seconda, sempre agostana, che semplicemente ne “sospendeva” per finta gli effetti, si sono decisamente e finalmente cagati addosso perché hanno capito che marcava malissimo, non solo male, ed hanno revocato.

E quindi hanno detto: siano convocate queste benedette Commissioni.

Pareva avessero fretta, invece poi la fretta è sembrata passare, perché nessuna convocazione è giunta per uno dei giorni della settimana corrente.

***

E uno dice: ma vedi che finalmente danno tempo al tempo e modo, soprattutto, ai Consiglieri, di reperire il parere di altri Tecnici, indipendenti e Terzi?

***

FARMACISTI PASTICCIONI,

LA LORO SUPPOSTINA SI SPEZZA

 

Gravis error.

Semplicemente, volevano scavallare il giorno del Consiglio Comunale – domani, 27 settembre – nel quale, guarda la combinazione, avrebbero avuto l’intenzione di introdurre la vera e propria suppostina pensata per blindare non solo la plastica, ma il prezzo e le condizioni operative pensate da Iren ed accettate da Palazzo Civico.

***

Come possono aver fatto?

E qui è necessario, per chi voglia farsi conoscitore delle astuzie palatine, un passo indietro.

E’ da tanto tempo che le Commissioni Consiliari non riflettono più i rapporti di forza nell’ambito del Consiglio.

Una cosa non solo “politica”, lo precisiamo per gli appassionati del ramo, di questa branca delle conoscenza.

C’è un preciso articolo del Regolamento per i lavori del Consiglio Comunale, che recita: la composizione delle Commissioni non deve alterare i rapporti numerici di maggioranza presenti in Consiglio (abbiamo citato a memoria).

Orbene, è da quando i SiAmoVercelli si sono messi all’Opposizione che, ovviamente, quei rapporti non sono più aderenti e coerenti tra loro.

Perché loro hanno lucrato il premio di maggioranza, nel 2014, per poi renderlo premio di Opposizione: sei Consiglieri sono stati eletti con l’apparentamento e sei se ne sono andati dall’altra parte.

***

Perché quelli del Pd, ciò che restava della maggioranza, hanno lasciato così le cose?

Ma perché alla Giunta – come abbiamo detto - delle Commissioni è sempre importato come, ad esempio, potrebbe importare, a chi scrive, la formazione (prima Squadra) dello Sport Lisboa e Benfica.

Anzi, anche meno, perché almeno la società portoghese richiama le liete memorie dei tempi e del tempo dedicato alle Figurine Panini.

***

Quindi le hanno lasciate lì a marinare.

Il Presidente del Consiglio Comunale di garanzia del Pd, Michele Gaietta, ovviamente aveva altro cui pensare.

Poi, però, è arrivato il momento in cui se ne sono andati ben cinque Consiglieri di maggioranza: Maria Pia Massa, Pier Giorgio Comella, Teresa Marcon, Giordano Tosi, Donatella Capra.

Che hanno lasciato liberi i posti nelle Commissioni dove stavano, facendo così mancare il voto a sostegno della maggioranza.

Poi Emanuele Caradonna è diventato Assessore, lasciando a sua volta libero il posto nella Quinta Commissione.

***

Sicchè, la maggioranza – se anche fosse ancora tale – in Consiglio Comunale, non avrebbe la maggioranza nelle Commissioni, causa assenza.

***

Poi ci sono i due casi “spinosi” di Adriano Brusco e Stefano Pasquino.

Perché – da sempre – la Presidenza della Prima Commissione (si occupa di Bilancio e Società Partecipate) è assegnata ad un Consigliere dell’Opposizione, quale elemento di garanzia.

Tutti minuetti inutili, ovvio, quando delle Commissioni non gliene cala a nessuno, ma per la forma è così.

E, quindi, ad inizio mandato, fu designato Adriano Brusco, che nel 2014 era il Candidato Sindaco del Movimento5Stelle.

Poi Brusco passò alla maggioranza, senza però mollare la presidenza che tocca alla minoranza.

Oggi questo, è ovvio, fa problema.

Però, per una sorta di paradosso solo apparente, Brusco potrebbe anche stare dove si trova.

Infatti, è persino inutile rimarcare ancora ciò che è già ovvio ed ormai riconosciuto anche dal Pd e dintorni: il fatto che la maggioranza si sia volatilizzata, altro non è che il frutto maturo della scelta compiuta il 26 giugno 2017, di cooptare Adriano Brusco tra i banchi della stessa maggioranza.

Ma, proprio per questo, con logica cartesiana, qualcuno potrebbe dire: ma allora cosa volete?!

Dite che la Presidenza della Prima Commissione spetta alla minoranza.

Noi adesso, da 18 che eravamo siamo scesi in minoranza.

Quindi Brusco sta dove si trova.

E, in effetti, è una logica non dissimile da quella altre volte udita.

***

Sul fronte opposto, invece, l’Opposizione era riuscita a “ficcare” Stefano Pasquino alla Presidenza della V Commissione (ambiente), profittando della distrazione e dei dissidi interni alla maggioranza.

***

QUALCHE ASTUTO STRATEGA TENTA DI APPROFITTARE DELLA VOGLIA DI PASQUINO

 

In un quadro di ristabiliti rapporti, anche questa Presidenza dovrebbe essere ritrattata.

***

Ma qui, appunto, casca l’asino.

E vediamo di capirci qualcosa.

Intanto, sembra proprio che la maggioranza, oggi, non abbia più i 18 Consiglieri che le servono per dichiararsi tale, cioè appunto maggioranza.

Alcuni si sarebbero definitivamente rotti le scatole.

Così anche l’articolo del Regolamento che vorrebbe rispettati i rapporti di forza, deve essere, appunto, applicato a tutela dei nuovi e reali rapporti di forza.

***

Ma qualcuno della maggioranza, astutamente, avrebbe capito che a Pasquino piace molto restare alla Presidenza della Quinta.

E, allora, potenti sono stati i tentativi per intortarselo a dovere.

Come si sarebbe manifestato l’intortamento avvenuto?

***

L’INSISTENTE INTORTAMENTO PROCURA UNA INDESIDERATA CONVOCATIO PRECOX

Si sarebbe manifestato così: contrariamente a quanto richiesto dai colleghi di Opposizione, il Pasquino avrebbe convocato per il giorno 3 ottobre e non per il 10 la riunione per esaminare la questione plastica.

Ma, di più, avrebbe già previsto che alla stessa intervenissero i rappresentanti del pur illustre Fornitore, cioè l’Amministratore delegato di Atena Asm.

Per illustrare il progetto “plastica” (metodo di raccolta, costo, step).

Al momento, non è dato alle Opposizioni, invece, portare propri Consulenti esterni per capire la congruità di quanto proposto – a livello dei 300 mila annui da sborsare, come a livello dell’organizzazione della raccolta – da Atena Asm.

***

Sicchè ad alcuni incomincia a pungere vaghezza di dire: guardate, Signori cari, da un lato la maggioranza non l’avete più e, dall’altro lato, è meglio se raccogliamo ancora uno o due pareri su come spendere questi 300 mila.

Perché – non va dimenticato – non sono i vostri, sono dei cittadini.

Nel frattempo, non si sta con le mani in mano, ma si approfondisce l’istruttoria: 300 mila euro l’anno non sono una cosa da poco.

Con buona pace degli amici, compagni e di più ancora di Atena Asm Iren.

***

Come finirà?

La vediamo dura.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it