VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 12 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




02/07/2020 - Regione Piemonte - Economia

Si.N.La.I. – SINDACATO NAZIONALE LAVORATORI ITALIANI - La Cina mette in crisi l’apicoltura italiana

Questa crisi del settore mette a rischio la sicurezza alimentare del Paese e i nostri prodotti agricoli, simbolo di tipicità e biodiversità




Si.N.La.I. – SINDACATO NAZIONALE LAVORATORI ITALIANI - La Cina mette in crisi l’apicoltura italiana

1,24 Euro al kg, è questo il prezzo di importazione del falso miele cinese, miele prodotto in Cina “senza api” che viene mescolato con quello naturale al fine di nascondere la contraffazione.

Luigi Cortese del SINLAI dichiara “il terzo posto, questo è il gradino raggiunto dal miele tra i dieci alimenti maggiormente a rischio di frode alimentare, che viene effettuata con l’aggiunta di sciroppo di zucchero e con metodologie di produzione non conformi alle norme europee, in cui l’uomo si sostituisce alle api nella realizzazione del processo di maturazione del miele. La concorrenza sleale del “falso” miele sta fortemente penalizzando l’apicoltura italiana che ha registrato nel 2019 perdite per 70 milioni di euro.”

In tutto il mondo i cambiamenti climatici hanno portato ad una significativa flessione dell’offerta, cosa non sembra verificarsi in Cina, dove la capacità produttiva aumenta ogni anno. Ad oggi la Cina esporta miele in Europa in quantità che si avvicinano alle 80mila tonnellate, ma la cosa peggiore che lo fa ad un prezzo di quasi un terzo di quello di produzione stimato in Italia. Il miele importato dalla Cina ha una lavorazione più veloce ed economica, perché effettuata dall’uomo che si sostituisce al lavoro delle api, ma il prodotto finale risulta privo delle caratteristiche di genuinità del miele.

Il danno economico per gli apicoltori italiani sta mettendo in ginocchio un comparto che in Italia conta 63mila apicoltori ed oltre 60 varietà, oltre che tutta l’agricoltura italiana che dipende al 70% dalle api nella loro funzione di impollinatori. Questa crisi del settore mette a rischio la sicurezza alimentare del Paese e i nostri prodotti agricoli, simbolo di tipicità e biodiversità.

Si.N.La.I. – Sindacato Nazionale Lavoratori Italiani
Coordinatore Nord Italia

Luigi Cortese

 

Redazione di Vercelli

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it