VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 9 luglio 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



30/06/2020 - Vercelli Città - Cultura e Spettacoli

RASSEGNA DUCALE.LAB - Al nastro di partenza la sesta edizione, che si svolgerà al Museo Leone di Vercelli

Il concorso premia i giovani solisti più talentuosi e promettenti





RASSEGNA DUCALE.LAB - Al nastro di partenza la sesta edizione, che si svolgerà al Museo Leone di Vercelli
Alessandro Boeri

Riparte il Ducale.Lab, il concorso che premia i giovani solisti più talentuosi e promettenti, con una serie di concerti pomeridiani in uno dei luoghi storici più suggestivi della città: il Museo Leone.

Il progetto ideato e voluto dalla Camerata Ducale con il supporto della città di Vercelli è parte integrante del cartellone del Viotti Festival di Vercelli. Giunto tra grandi consensi alla sesta edizione, il Ducale.LAb di quest'anno assume un valore particolare: i concerti al Museo Leone saranno infatti i primi eventi musicali vercellesi del post-lockdown, circostanza che simboleggia la volontà di Vercelli di uscire dall'emergenza proprio nel segno dei giovani, da sempre al centro dell'attenzione e fiore all'occhiello del Festival.

Venerdì 3 luglio alle ore 18.30 sarà il primo concerto della rassegna, che prevede in tutto quattro appuntamenti (i successivi saranno il 10, 17 e 24 luglio). I concerti sono la naturale conclusione del Concorso omonimo che seleziona e premia i migliori giovani neodiplomati dei conservatori piemontesi offrendo loro l'opportunità di presentarsi al pubblico nella veste di solisti, valorizzando degnamente così il loro talento. Ai premiati del concorso, oltre al concerto della presente rassegna, verranno assegnati il Premio Maria Cerruti Vercellotti al miglior solista e al miglior ensemble (due borse di studio, ciascuna di 1.000,00 €). Come nelle passate edizioni, ci sarà un altro premio, ancora da assegnare…il premio del pubblico! Il pubblico, curioso e fedele a questi appuntamenti, potrà ascoltare i giovani musicisti ma anche incontrarli e conoscerli e, in occasione dell’ultimo concerto, potrà esprimere la propria preferenza, tramite un questionario, assegnando così una carta Feltrinelli del valore di 500 € all’interprete più gradito. A conferma della grande autorevolezza raggiunta dal Ducale.Lab, ricordiamo i componenti della giuria, Enrica Ciccarelli (pianista e direttore artistico della Società dei Concerti di Milano), Cristina Canziani (pianista e Direttore artistico del Viotti Festival), Maria Luisa Pacciani (pianista e didatta), Cristina Canziani (pianista e Direttore artistico della Camerata Ducale), Massimo Viazzo (pianista e critico musicale) e Guido Rimonda (violinista e Direttore Musicale della Camerata Ducale).

I giovani al centro!”: Il progetto Ducale.Lab, che è parte integrante del programma del Viotti Festival, si propone appunto di porre al centro del proprio discorso artistico e musicale il coinvolgimento dei giovani, intesi sia come pubblico sia, naturalmente, come interpreti. Vedere ora questi nuovi talenti presentarsi al pubblico quali speranze della musica italiana è dunque non solo l'atto finale di un lungo percorso che ha richiesto importanti risorse e profondo impegno, ma soprattutto fonte di un'immensa gratificazione. Il livello dei partecipanti di questa sesta edizione La formula scelta, quella del concerto in fascia preserale, consente agli ascoltatori di vivere piacevolmente l'occasione del concerto e di apprezzare come merita la straordinaria cornice del Museo Leone. Nato nel 1910 per volontà del notaio Camillo Leone, il quale spinto dall’amore per la sua terra e dalla passione per l’arte donò tutte le sue raccolte al cittadino Istituto di Belle Arti, il Museo è costituito da due edifici storici – la cinquecentesca Casa Alciati e il settecentesco Palazzo Langosco – ed è ricco di ambienti di grande impatto scenografico, tra cui il Chiostro, il Giardino della Fontana e il didattico Giardino Archeologico. Da quasi un secolo il Museo è testimone e custode della storia della città e del suo territorio. Ed infine, è doveroso ricordare la figura della Professoressa Maria Cerruti Vercellotti a cui sono dedicati i due premi - miglior solista e miglior ensemble - proprio con le parole affettuose del marito “Maria Cerruti nacque 76 anni fa in un piccolo paesello della bassa vercellese, Caresana. Già da piccola, amava molto studiare la musica lirica. Ascoltava l'opera alla radio e la seguiva con il libretto. Si diplomò maestra elementare e in seguito si laureò in Materie Letterarie presso l’Università di Torino discutendo una tesi – in latino! – sulle concordanze delle Familiares di F. Petrarca. Ha poi intrapreso la carriera scolastica affrontando molti sacrifici, percorrendo anche mulattiere di campagna in Valsesia pur di arrivare alla sua scuola. Raggiunse infine la sua meta vincendo il Concorso ordinario in Materie Letterarie, prima con cattedra a Biella e dopo un anno a Vercelli al Liceo Scientifico “Avogadro”, nel quale, dopo 36 anni di onorato servizio, concluse la sua carriera scolastica nel 2006. Era molto amata dai suoi allievi e anche dai suoi colleghi. Ha dedicato la sua vita alla scuola, ai suoi familiari e al suo amato marito. Ha sempre adorato la musica: le sarebbe piaciuto studiare pianoforte, ma per motivi di famiglia non le fu possibile. Amava profondamente Mozart, Beethoven e Chopin, ma più di tutti Verdi: ha collezionato tutte le sue opere su cassetta e DVD, la fiction sulla sua vita (vista almeno una ventina di volte), una piccola biblioteca con almeno un centinaio di libri, naturalmente letti e meditati dalla prima all’ultima pagina. Almeno 5 o 6 volte all’anno, ci recavamo a Roncole di Busseto per rendergli omaggio. Amava molto ascoltare le interpretazioni di A. B. Michelangeli, P. Domingo, C. Bergonzi, tutti i più importanti cantanti del passato, così come i grandi direttori come Toscanini, Abbado, von Karajan e altri ancora. Era affascinata in modo particolare dal suo coetaneo R. Muti. Infine era una dolce, tenera e innamorata moglie”.

Protagonista assoluto del concerto inaugurale di Ducale.Lab 2020 venerdì 3 luglio sarà il duo formato dal flautista Alberto Navarra e il pianista Alessandro Boeri che proporrà di J.S. Bach Sonata in mi maggiore BWV 1035, la celebre sonata Undine di C.Reinecke per concludere con un altro brano famoso del repertorio flautistico: la Sonata di F. Poulenc.

Qualche breve cenno al curriculum dei giovane artisti.

Alberto Navarra, nato a Mondovi’ nel 1997, inizia a studiare flauto nel 2008. Rivelatosi subito come precoce talento, è risultato vincitore del Primo premio in diversi Concorsi Nazionali ed Internazionali tra i quali: “Citta’ di Castello”, Genova, “Internazionale” di Asti, “European Music Competition” di Moncalieri, “Riviera della Versilia” di Viareggio, “Concorso Internaz. Alpi Marittime Busca”, il secondo posto al ”Krakamp” a Benevento, al Concorso Internazionale “Citta’ di Chieri” Concorso Florindo e nel 2020 il Premio “Dorel Baicu" . Nel 2019 ottiene il diploma di secondo livello, con la votazione di 110 e lode, sotto la guida del Maestro Maurizio Valentini. Si è perfezionato con i maestri Andrea Manco e Andrea Oliva dapprima presso l’accademia di Imola “Incontri con il Maestro” e successivamente presso l’Accademia di Santa Cecilia. Attualmente frequenta il “Titulo proprio” presso la prestigiosa Escuela Superior de musica Reina Sofia nella classe di Jacques Zoon e Salvador Martinez Tos. Ha frequentato varie Masterclass con i Maestri : Claudio Montafia, Andrea Manco, Emmanuel Pahud ,Sebastian Jacot , Silvia Careddu e Andrea Oliva. Nel febbraio 2020 ha ottenuto l’idoneità per l’orchestra Haydn di Bolzano. Si è esibito con diverse formazioni da camera e come solista in numerosissimi concerti, attualmente suona nel ensemble “Mutua Madrilena” formatosi nella ESMRS di Madrid.

Alessandro Boeri, ha conseguito, presso il Conservatorio di Torino, il Diploma di Triennio in Pianoforte sotto la guida del M° Voghera e il Diploma di Biennio in Maestro Collaboratore, entrambi con il massimo dei voti e la lode. Ha studiato Composizione e ha conseguito il Diploma di Triennio in Direzione d'Orchestra con il M° Mario Lamberto, conseguendo la lode. É altresì impegnato nel Conservatorio torinese come tutor pianista accompagnatore segnatamente nelle classi di Canto. Nell'estate del 2018 è fra i quattro Maestri Collaboratori selezionati dal M° Riccardo Muti come allievi effettivi della quarta edizione dell'Italian Opera Academy, ed ha quindi affiancato il Maestro e i giovani colleghi nella produzione del Macbeth di Verdi. Nel Giugno 2018 ha iniziato a collaborare con il Teatro Regio di Torino come stagista M° Collaboratore (in collaborazione con il Conservatorio). Nel Marzo 2019 è stato impegnato nella produzione dell'opera Pinocchio (P. Valtinoni) come Maestro Collaboratore di sala e di palcoscenico. Terminato lo stage, collabora saltuariamente con l'Ente lirico torinese come M°Collaboratore. Nel settembre 2019 è stato fra gli otto semifinalisti del primo Concorso Internazionale di Direzione d'Orchestra di Bordighera. Attualmente è coinvolto in numerose produzioni della stagione operistica dell' ”Impresa Lirica F. Tamagno – Opera OFF”, (che si propone anche di portare l'opera al pianoforte in contesti inusuali) come pianista e Maestro Concertatore delle opere in cartellone (Voix Humaine, Traviata, Carmen, Barbiere di Siviglia e altre). *** Il secondo appuntamento è fissato per venerdì 10 luglio sempre al Museo Leone (ore 18,30) con i solisti Sawa Kuninobu violino e Stefano Beltrami violoncello, ai quali andrà anche il Premio Maria Cerruti Vercellotti per il miglior solista (ex aequo). *** Ingresso al concerto: 5 Euro I biglietti in via d’esaurimento sono subordinati alla prenotazione obbligatoria telefonando al 011-755791.

Il Viotti Festival è realizzato dall'Associazione Camerata Ducale di Vercelli ed è sostenuto dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, la Regione Piemonte, il Comune di Vercelli, la Fondazione Compagnia di San Paolo, la Fondazione CRT, la Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, la COOP e in collaborazione con importanti media partner.

Redazione di Vercelli

TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it