VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 25 novembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




17/09/2011 - Cuneo - La Posta

PIAN DEL RE - Umberto Bossi saluta i Sindaci occitani dissenzienti:"Cornuti" - E loro non ci stanno - Guarda il video in home page

O, meglio, si chiedono chi li abbia traditi, se i rispettivi consorti o invece la Lega - La gestualità rituale del Senatur ormai è caratterizzata, più che dall’ampollina, dall’immancabile dito medio alzato




PIAN DEL RE - Umberto Bossi saluta i Sindaci occitani dissenzienti:"Cornuti" - E loro non ci stanno - Guarda il video in home page
L’Occitania, denominatore comune e codice culturale delle regione alpina



PIAN DEL RE, 16 SETTEMBRE 2011 - Un folto gruppo di Amministratori, facenti capo al ”Movimento dei Sindaci del Piemontei”, in seguito alla manovra finanziaria da parte del Governo della cancellazione dei piccoli Comuni sotto i 1.000 abitanti era oggi presente a Pian del Re (Crissolo, in Valle Po) per attendere la venuta di Umberto Bossi che,  per il quindicesimo anno consecutivo, saliva alle sorgenti  per la cerimonia dell’ampolla.


Grande spiegamento di Forze dell’ordine. Forse tutti volontari e senza costi per il povero Stato italiano?


Gli amministratori erano disposti in un’area lontana dalle sorgenti in quanto  il loro scopo non era certo quello di fomentare tafferugli, volevano semplicemente spiegare a Bossi che in Provincia di Cuneo ci sono una quantità grande di Comuni al di sotto dei 1.000 abitanti, la maggior parte di montagna, con territori ampi da governare e che la montagna è un bene comune a tutta l’Italia e, che se frana in quanto non più capillarmente e gratuitamente governata, anche la pianura,  che sia padana o meno ne avrà dei grandi danni.


Volevano chiedere a Cota come mai da quando la Regione è governata dalla Lega su certi capitoli, quali ad esempio quelli della cultura, non c’è più una sola lira disponibile e come mai ci sono grandi tagli alla sanità, e come mai la burocrazia sia in aumento e asfissi le amministrazioni comunali. E altre cose.....


Volevano chiedere alla Presidente Gancia come mai la Provincia è sempre più lontana ed assente. Volevano dialogare.


E volevano chiedere che  venisse , con urgente provvedimento, cancellati gli effetti dell’art. 16 della manovra.


Ma Bossi è arrivato con un corteo formato da sette macchine di scorta, è passato sulla strada sterrata seduto sul sedile a destra del conducente. Per un momento ha avuto la chiara visione degli amministratori disposti con gli striscioni di protesta nel versante di fronte a lui e,  invece di fermarsi,  cosa ha fatto? Ha sporto  la mano dal finestrino esibendo prima  il segno dei cornuti  e subito dopo il dito medio della mano destra ed ha  tranquillamente  proseguito il suo percorso.


Io e Daniele, che non siamo amministratori ma militanti dello sviluppo territoriale, eravamo nella strada in basso e abbiamo proseguito il cammino in compagnia della  scorta e di altra gente comune come noi, incuriositi dal seguito che poteva prendere la giornata. Non avevamo mai visto il popolo leghista disposto alle foci del Po.


Noi gente delle valli Occitane quel territorio siamo abituati a viverlo in altro modo.  Nel nostro immaginario collettivo e storico le sorgenti sono una zona di incontro tra acque e  tra culture e non di scontro. “Amic, lhi nòstri parlats son tuti dui romans, poem dir-se fraires e tocar-se la man: Io tiu Po, la mia Durança, naissuts tuti da un sol mont, van aberurar un lo Piemont e l’autre la Provença”(Frederic Mistral, premio Nobel per la Letteratura nel 1904)


Arrivato a 300 mt dall’area della sorgente Bossi è sceso dalla macchina, si è infilato la giacca e volgendo gli occhi verso l’assemblea degli amministratori, lontanti da lui,  disposti all’altro capo del versante, ha detto una sola lapidaria parola:  “cornuti”. Poi è salito sul pik up che lo attendeva e che lo ha portato fino alla sorgente, accolto dall’ovazione del popolo leghista.


Oggi pomeriggio mi sono domandata a lungo cosa voleva dire con questa parola “cornuti”. Perchè sono cornuti i nostri amministratori? La sola risposta che mi è venuta è questa: sono stati traditi dalla Lega! Nei nostri territori alcuni paesi hanno dato a quel movimento più del 50% dei voti, attratti da slogan che sembravano voler portare sviluppo  e benessere a territori devastati prima dalla guerra e poi dall’emigrazione.


Se vogliamo  oggi guardare i fatti reali possiamo constatare che  sono stati traditi (e quindi di fatto sono effettivamente dei  cornuti) dai provvedimenti che recentemente il Governo, con i suoi Ministri della Lega ha contributo ad emanare. Chi è il cornuto e chi ha tradito?


Chambra d'Oc
Chamin Arnaud Danièl 18
12020 Roccabruna (CN) IT
tel. 0171 918971 - 328 3129801
chambradoc@chambradoc.it
www.chambradoc.it


 


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it