VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 28 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




28/08/2011 - Biella - La Posta

FERROVIE - Quel diritto di viaggiare... nello sporco

Il racconto di Marco Vigliocco sul suo viaggio di lavoro






FERROVIE - Quel diritto di viaggiare... nello sporco



25
agosto, giorno di ritorno da una "vacanza lavoro
" in Macedonia.
Ore 7.30 Skopje, salgo sull'automobile dell'albergo, che mi porta
all'aeroporto, da dove devo partire per Venezia. Arrivo nel capoluogo veneto in
perfetto orario, prendo il biglietto dell'autobus in un'apposita biglietteria
allestita in modo permanente all'aeroporto Marco Polo per tutti i mezzi
pubblici che collegano l'aeroporto con Venezia ed altre città della regione. Attendo
pazientemente per una ventina di minuti l'autobus, chiacchierando con una
turista americana, alla ricerca disperata di qualcuno che parli la sua
lingua... Salgo sull'autobus, che mi porta in venti minuti alla stazione
ferroviaria, da dove prendo un treno Freccia Bianca per Milano Centrale, con il
foglio della prenotazione fatta via internet, senza bisogno di obliterazione.
Viaggiando con Freccia Bianca, come accade con Freccia Rossa e Freccia Argento,
si siede nel confort, con aria condizionata e - se si è in prima classe - c'è
anche un piccolo rinfresco compreso nel biglietto. Capotreno, controllore,
personale di ristorazione e addetti alle pulizie a disposizione. Anche i cinque
minuti di ritardo all'arrivo non si percepiscono. Scendo dal Freccia Bianca, ho
davanti a me il Regionale Veloce Milano-Torino, ma non posso salire senza
vidimare il biglietto, per cui devo percorrere alcune centinaia di metri per
cercare l'obliteratrice funzionante e ripercorrere la stessa strada per
raggiungere il treno. E' un treno "Vivalto", ovvero di quelli a due
piani, senza posto per i bagagli. C'è molta gente ed anche molti vacanzieri che
tornano a casa con le valigie. In testa al treno trovo una sistemazione, ma
sulla carrozza l'aria condizionata non funziona. Il treno arriva a Novara con
cinque minuti di ritardo e si sente la differenza che il Regionale Veloce ha
con il Freccia Bianca. Prendo la coincidenza per Novara. Il treno su cui devo
percorrere la tratta Biella-Novara è un moderno Minuetto con aria condizionata
funzionante. Quando arrivo a Novara il treno per Biella è già pronto sul
binario, da un po' di tempo e la partenza è prevista venti minuti dopo il mio
arrivo, ovvero l'arrivo del Milano-Torino. Salgo, mi siedo e vedo i sedili con
le nuove fodere lavabili, quelle previste dal contratto di servizio tra Regione
e Trenitalia, quelle che costituiscono il primo passo - a detta dei
sottoscrittori del contratto di servizio - per avere treni più puliti. Forse le
nuove fodere lo sono veramente, perché sono più facili da tenere pulite. Certo,
però ci vuole qualcuno che le pulisca, perché le fodere da sole non fanno
nulla. Il treno, rimasto in stazione per oltre trenta minuti, non ha visto
alcun addetto alle pulizie, infatti c'è un sedile macchiato, su un altro ci
sono pezzetti non identificati, su un'altro addirittura una piccola pozzanghera
e per finire...una bella sigaretta per terra. Oltre a dimostrare che nessuno è
passato, viene da chiedersi come mai ci sia una sigaretta fumata sul treno, dal
momento che è vietato fumare dalla legge. Di chi sarà? Qualcuno ha controllato?
Intanto ho pagato il biglietto ed ho per questo acquisito il diritto di
viaggiare nello sporco...



Le
ferrovie non migliorano, ma certo girando il mondo, anche i Paesi poveri, ci si
rende conto che il trasporto integrato, anche utilizzando mezzi privati e
pubblici, funziona meno nel Biellese. E un territorio piccolo, con piccoli
numeri dovrebbe essere più facile da gestire, ma forse non è così.



Marco Vigliocco



NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it