VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 28 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




22/08/2011 - Regione Piemonte - Cultura e Spettacoli

ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE VIE FRANCIGENE - In occasione del convegno dedicato a San Bernardo, al via gli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa

Il Programma è nato nel 1987 con il proposito di dimostrare l’importanza di un patrimonio culturale europeo che coinvolge i diversi Paesi.






ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE VIE FRANCIGENE - In occasione del convegno dedicato a San Bernardo, al via gli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa

“Insieme a San Bernardo” è stato il contesto all’interno del quale presentare la Carta Europea delle Abbazie e dei Siti Cluniacensi. Si è svolto a Fiorenzuola (PC), presso l’ex convento di San Giovanni, il convegno dedicato ai “Foglianti” che ha permesso di ricostruire il percorso storico che ruota intorno alla figura di San Bernardo e consente tutt’oggi di mantenere vivi antichi valori culturali e tradizionali che legano una comunità. La Festa di San Bernardo rientra negli eventi promossi per la valorizzazione del tratto piacentino di via Francigena compreso tra Fiorenzuola e Chiaravalle della Colomba. Sono intervenuti all’incontro il Paolo Cozzo (docente Università di Torino), la ricercatrice sull’itinerario cistercense Silvia Testa mentre le conclusioni sono state affidate a Luca Bruschi all’Associazione Europea delle Vie Francigene. Sono trascorsi 9 secoli da quando Robert de Molesme ha fondato il nuovo Monastero di Citeaux, seguendo i principi della regola di San Benedetto.  Iniziato in Borgogna nel 1098, l’Ordine dei Cistercensi si è rapidamente sviluppato su tutto il territorio europeo raggruppando circa 750 abbazie e 1000 monasteri.  L’Ordine è ricco di una storia che continua fino ai nostri giorni e si lega fortemente all’evoluzione della Chiesa in Europa e dello sviluppo degli Stati europei. I monaci cistercensi si sono sempre rivelati infaticabili costruttori, partecipando in maniera attiva allo sviluppo degli spazi rurali, promuovendo tecniche idrauliche e di agricoltura fra le più evolute a livello internazionale: attraverso le loro grange, forge , mulini, granai hanno contribuito fin dal periodo medievale a far conoscere l’arte dei mestieri, della conoscenza e del sapere. Lo scorso anno, il 3 maggio 2010, il Consiglio d’Europa ha ufficialmente riconosciuto le abbazie cistercensi come un itinerario culturale. E’ stato posato l’accento proprio sul significato di questo patrimonio europeo e ne è stata sottolineata l’importanza per favorire la riscoperta di un turismo culturale e rurale autentico, fatto di incontri sul territorio che mirano a far conoscere un rilevante aspetto dell’Europa medievale e delle nostre radici cristiane. Dal 1998 è presente l’Associazione che ha creato la Carta europea delle abbazie e dei siti cluniacensi che oggi conta già su oltre 200 siti e coinvolge ben 11 Paesi europei, numerose amministrazioni pubbliche ed associazioni culturali che operano sui singoli territori. Molti i punti in comune fra l’Itinerario delle abbazie Cistercensi e la Via Francigena, riconosciuta dal Consiglio d’Europa Grande Itinerario Culturale dal 2004. Si tratta di due itinerari che affondano le proprie radici nella storia cristiana e nel medioevo, favorendo oggi la riscoperta dell’Europa attraverso il rilancio di un turismo culturale di qualità che mette al centro dell’attenzione il territorio e l’incontro con  le persone. Per maggiori informazioni sulla Carta Europea delle Abbazie e Siti cistercensi (con sede a Clairvaux, in Francia): Tel/Fax. 33 (0)3 25 27 52 55
E-mail :
abbaye.clairvaux@orange.fr - Web : www.cister.net; Itinerari del Consiglio d’Europa: http://www.coe.int/t/dg4/cultureheritage/culture/Routes/default_fr.asp 
Il Programma degli Itinerari Culturali de Consiglio d’Europa è nato nel 1987 con il proposito di dimostrare l’importanza di un patrimonio culturale europeo che coinvolge i diversi Paesi europei. Gli Itinerari permettono dunque di illustrare concretamente i valori fondamentali del Consiglio d’Europa: diritti dell’uomo, democrazia ed integrazione multiculturale, diversità ed identità, scambio di buone prassi attraverso la conoscenza.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it